Calendario dell’avvento nr 2: preparatevi!

Calendario dell’avvento in versione shabby e romantico. O country e romantico. Io con gli stili faccio sempre casino 😛

calendario dell'avventoSe mi seguite sulla mia pagina FB avrete sicuramente visto il mio post in cui vi annunciavo insieme ad altre due bravissime creative (Simona Candido e Domenica Camassa) che anche quest’anno avremmo realizzato un calendario dell’avvento speciale.

Quello dell’anno scorso lo avevo fatto velocemente come galleria fotografica delle creazioni che man mano andavo creando per casa.

Quest’anno invece ho deciso di farlo per bene nonostante qualche intoppo qui e la’ come vi ho spiegato nel post di ieri.

calendario dell'avventoIntanto ho il piacere di presentarvi Angelina!

E’ un angioletto nato dopo svariati tentativi. Ne sono orgogliosa perche’ l’ho pensata, disegnata e creata in quei giorni in cui ero a casa per la ristrutturazione del bagnetto.

Dopo 4 faccine a vuoto eccola finalmente perfetta!

Angelina sara’ la mia valletta quest’anno 😛

Quest’anno il calendario dell’avvento che ho pensato e’ reale. Ho personalmente disegnato ogni addobbo e i sto creando man mano assieme ai post che ogni giorno vorrei pubblicare.

calendario dell'avventoIl pannello e’ praticamente pronto. E’ su base rigida in modo da sorreggere il peso degli addobbini.

L’ho voluto fare nei toni del panna e del verde salvia. E gli addobbi saranno comunque in tono con quello che e’ il pannello.

Siete pronte dunque?

Dal primo dicembre troviamoci qui, su Facebook e su Instagram. Ogni giorno vi svelo l’addobbo che ho creato e vi lascero’ una piccola sorpresa.

Cosa sara’ stara’ voi scoprirlo seguendomi.

Come sempre sara’ a disposizione degli iscritti in quanto saranno sui miei soliti files scaricabili in PDF.

Spero che questa idea vi piaccia fanciulle.calendario dell'avvento

Vi voglio bene,

Ale

 

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.Giovedì sera sono partita per il Lussemburgo anche se la foto che ho postato qui di fianco è il Duomo di Treviri o Trier in Germania. In realtà le due città sono molto vicine e ne ho approfittato come ho scritto nel post precedente per ritornare in questo posto.

Se avete amici che vivono all’estero andate a trovarli: è una possibilità unica di cedere e visitare città nuove con occhi diversi, non da semplici turisti.

Io vado spesso in Lussemburgo e ciò mi ha permesso di conoscerla e viverla in maniera particolare e diversa. Anche se non è come quando uno vive lì ovviamente…

Di primo acchito Lussemburgo e dintorni appare come una piccola perla nel verde. Ci sono distese infinite di campi sotto ad un cielo prevalentemente nuvoloso.

Last Thursday eve I left for Luxembourg city although the pic I posted here is the Cathedral of Trier in Germany. In fact the 2 cities are very close. If you have friends living in a foreign country go to meet them as you will have a unique opportunity to visit new cities with different eyes, not just like tourist.
Im often in Lux so I live it everytime in a special way. Even if it’s not like living there.  Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.

Come già sapete mi sono portata dietro la coniglietta che ho regalato a Ella e sembra che lei abbia apprezzato. Il che mi premia di tutta la fatica fatta 😛

Ora che sono tornata invece mi devo mettere a lavorare per perfezionare la mia piccola principessa verde. Ne ho 5 da realizzare in realtà… 5 piccole principesse Verdi che andranno attaccate ad un sacchetto di dolcetti in occasione della festa della mamma.

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.Spero tanto che abbia lo stesso successo dei piccoli coniglietti di lana che orgogliosi fanno mostra di se in vetrina del negozio di Simona.

As you know I gave my pink knitted bunny dancer to Ella and seems that she likes very much it. I’m happy as I worked a lot to create this toy. But now I’m back I have to work to make better this small tiny green princess. To be honest I have to create 5 small tiny green princesses and they will attached to a bag full of candies for Mother’s day.
I really hope that will be appreciated like my knitted bunnies 🙂

Il Lussemburgo e le piccole principesse verdi.Che ne dite? Sono Carina?

Se vi piace e volete vedere cosa sto creando in questi giorni venite a trovarmi sulla mia piccola pagina FB.

If you like it and you would see what I’m creating in these days please come to visit my small Fb page. Click on green FB for link 🙂

A presto,

Ale

 

 

Tilda: stile giapponese. Tilda: Japanese style.

Tilda: stile giapponese. Tilda: Japanese style. 

Giusto per fare qualcosa di nuovo usando la mia fantasia.

bambola tilda giapponeseMi sono divertita un sacco a realizzare questa bambolina Tilda in stile giapponese. A Ele serviva un lavoretto da mostrare alla scuola estiva riguardante il giappone e così è nata Noriko fatta interamente a mano con materiali di riciclo che la scuola mi ha dato.

bambola tilda giapponeseLa base è stata realizzata in cotone bianco in modo da richiamare la pelle lunare delle Geishe. I capelli arrivano da una rocchetta di filo recuperate e ho tentato di acconciarli con uno Chignon.

Con le Tilda la vera difficoltà che incontro è quella dei capelli. Non so mi sembrano sempre piatte e non riesco mai ad avere quei bei chignon cicciotti come le illustrazioni. Se avete consigli…

 

La stoffa del kimono è un riciclo ed è stata un’impresa titanic cucirla. Il kimono è risultato un pò risicato perchè essendo troppo scivolosa la stoffa mi si aggrovigliava in continuazione rovinandosi.

Utilizzo sempre e solo cotone e le fibre naturali ma qui non ho avuto modo di scegliere.

Tilda: stile giapponese. Tilda: Japanese style. bambola Tilda giapponese

Per l’obi, la cintura che tiene chiuso il kimono, ho usato una cinturetta fatta con specchietti colorati un pò anni 60 e ho tentato di ricreare la elaborate chiusura sulla schiena.

Non potendo usare stuzzicadenti o comunque cose potenzialmente dannose per I bambini ho applicator un bottoncino a farfallina sempre verde.

Ed eccola qui la mia Noriko ambasciatrice del Giappone che poi insomma è giapponese solo per me 😛

La trovo dolce anche se le Tilda lasciano sempre un vuoto nella esperessione del viso.

Non ho colorato volutamente le guance perchè volevo risaltasse il bianco.

Forse avrei dovuto cambiare taglio agli occhi, fare un qualcosa che ricordasse l’occhio a mandorla… ma ammetto non ho voluto rischiare di rovinare la bambolina!

Se vi piace passate a trovarmi anche sulla mia pagina FB: La boite des etoiles! Mi trovi anche su Instagram e su Pinterest!

E se vi fa piacere lasciatemi un comment.

Buon week end!

Ale

Tilda: stile giapponese. Tilda: Japanese style.