Fisher Girl bambola Tilda. Vi presento Donna Maria.

Fisher Girl bambola Tilda.

Fisher Girl: bambola Tilda.Vi capita mai di prendere in mano un libro, sfogliarlo e riporlo senza mai avere il coraggio di leggerlo veramente?

Ne siete affascinati eppure qualche strana energia vi trattiene dal farlo.

E’ cio’ che a me capita con i libri di Tone Finanger, la mamma del famoso brand Tilda.

Come avrete notato ho spesso richiami al mondo Tilda. Un mondo nordico (arriva dalla fredda Oslo), lineare, romantico che racchiude in se uno stile molto basico.

Cosi l’altra sera ho preso in mano il libro Seaside Ideas e l’ho sfogliato. Come faccio sempre. Solo che stavolta qualcosa in me e’ scattato.

Non ho piu’ paura di provare e sbagliare. non ho piu’ paura di sprecare stoffa. Se mai incomincio mai imparo no?

Le bambole Tilda ultimamente mi stanno appassionando. Quel viso senza espressione e quella luce fredda tipica dell’imbrunire del nord mi cattura.

Quello che mi appassiona meno sono i costi delle stoffe. I cotoni americani o le stoffe Tilda costano tremendamente tanto.

C’e’ chi le riproduce fedelmente nei colori e nei materiali. C’e’ chi prova a scopiazzarle cercando materiali simili. E poi ci sono io che cambio i vestiti, cambio i colori, ci metto del mio cambiando i materiali, riutilizzando scampoli, aggiungendo dettagli o togliendoli.

Cosi ho preso il cartamodello della Fisher Girl e ho detto: “vai mi ci butto e vediamo cosa esce. Balena compresa.”

Ho disegnato e tagliato le stoffe. Le ho cucite e l’ho fatta nascere. Fisher Girl bambola Tilda.

Non so descrivervi l’emozione che provo ogni volta che un pezzo di stoffa prende vita tra le mie mani. E’ una sensazione unica. Una soddisfazione immensa che mi rende felice e mi meraviglia ogni volta.

Ieri sera ho finito di imbottirla e l’ho cucita. Le ho fatto il vestitino a fiori e ha assunto questa aria romantica.

Fisher Girl bambola Tilda.Come ogni volta ho litigato con i capelli. Ho dovuto ricamarla 3 volte prima di ottenere una frangetta che mi desse soddisfazione.

Per i capelli ho usato la lana apposta che ho comprato in Germania. Mi scordo sempre di fare tanti giri perle cipolline… con il risultato che sembrano un  po’ li attaccate con lo sputo.

Mi piace quest’aria un po’ anni 20 che ha preso.  Fisher Girl bambola Tilda.

Ho poi dipinto gli occhi e le guancette. Non so perche’ ultimamente con il dotter faccio fatica e mi vengono gli occhietti grossi. Ho forse perso un po’ la mano non lo so.

Ma la mia Fisher Girl  e’ venuta fuori con un’aria un po’ incazzosa. Come se avesse subito un torto. Come a dirmi: “ohi guarda che quella del cartamodello e’ vestita diversamente… mi hai messo su una tenda vergogna!!!”

Fisher Girl: la bambola Tilda.Ho sorriso e lo so che sembro matta. Ma mi e’ venuto in mente una favola che leggevo a Ele da piccola di una bambolina dimenticata al banco surgelati che tentava di farsi adottare e parlava alla piccola.

Cosi la mia piccola (che poi tanto piccola non e’) Tilda reclamava ieri sera Fisher Girl bambola Tilda.

Ho realizzato poi la piccola balena. Ammetto che non ne sono per nulla soddisfatta. Non mi piace. Mi sa che la rifaro’ stasera.  Ho litigato con le piccole pinne che non riuscivo a cucire. Gli occhietti sono un po’ cosi’… insomma… non mi piace!

Inoltre mi sono ricordata che ancora non ho iniziato a cucire le due scimmiette per i gemelli… aiuto.

Fisher Girl bambola Tilda. 

Comunque sia la Mia Fisher Girl soprannominata Donna Maria mi ha rapito il cuore. Sono davvero soddisfatta del risultato. Mi piace tanto tanto. Tutta.  Il vestito romantico, i capelli biondo schiarito dal sole, gli stivaloni azzurri. Ma la balena no. Quella no.

Fisher Girl bambola Tilda.

Adesso sto finendo il cardigan. Sto usando un gomitolo con le pailletes che, per non smentirmi, stanno tutte sul retro. Non c’ e’ verso di farle uscire sul davanti. Maledette micro pailettes!!!!

Fisher Girl bambola Tilda. 

Non vedo l’ora di finirlo per poter dire a Donna Maria: “guarda che golfino di lusso ti ho fatto!!”

Ok ok sembro una pazza lo so 😀

Fisher Girl bambola Tilda. 

 

 Fisher Girl bambola Tilda.Vi lascio le foto e spero che la Fisher Girl faccia sognare un po’ anche voi. Io ho gia’ pensato di attaccarla in veranda cosi da salutare gli ospiti 🙂

Vi aspetta per salutarvi anche su IG, FB e Twitter 🙂

Un bacione,

Ale

Fisher Girl bambola Tilda. 

 

 

Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Riflessioni di una mente creativa in tempesta.Settimana di grandi temporali qui a Milano e la citta’ assume tonalita’ di grigio cupo. Mi piace quando c’e’ tempesta. L’odore di bagnato nell’aria e il fresco che arriva, la quiete surreale che si avverte dopo che si e’ rovesciato il mondo.

Anche se, ammetto, spesso mi spaventano perche’ i temporali e le tempeste portano sempre qualche disastro in giro.

Per certi versi mi sento un po’ in tempesta anche io. Ho sempre 500 mila idee per la testa e il tempo non mi basta mai. A volte penso che ho perso la mia occasione quando sono rimasta a casa disoccupata. Avevo tutto il tempo e passavo le giornate a rintronarmi con la tv.

A volte, come oggi, penso cio’ che forse non ero pronta a questa sperimentazione, a questo subbuglio creativo.

Io sono lenta. Ho bisogno del mio tempo per carburare, accettare, sperimentare. Ad agosto ho pianificato tante cose. L’apertura di un sito, l’apertura di Etsy, una pagina Facebook, Instagram… e piano piano ho messo insieme le cose.  Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

A dicembre/gennaio sono partita semi seria inquesto progetto. All’inizio volevo un’impronta professionale. Mi sono messa in gioco e ho preso un lavoro che mi portava a fare le cose in serie. Se da un lato mi soddisfava l’idea che qualcuno potesse decorare i suoi dolci con le mie cose dall’altro fare le cose in serie non e’ per me. Amo nuove sfide, amo nuovi progetti…

E cosi eccomi qui oggi a tirare le somme di quasi un anno di La boite des etoiles. E’ andata come volevo?

E’ andata a volte come volevo io a volte meno.

Per creare ci vuole tempo. Ci vuole ispirazione. Ci vuole voglia. Ci vuole entusiasmo.

Ammetto che a volte la fiducia mi manca. Mi metto seduta pensando di cucire qualcosa e niente. Non succede niente. Non ho ispirazioni, non ho idee… ho quello che si dice il blocco del creatore.

E con questo mood stavo seduta ieri sera sul mio letto sferruzzando il piccolo cardigan per la mia Fisher Girl. Fabry mi dice spesso che dovrei smettere, che dovrei chiudere Etsy e mollare.

Ma perche’ mollare se mi diverto?

Ecco il concetto.

Io mi diverto.

E cosi stamattina ho preso la mia borsa a righe. Si quella shabby di questo post. Ci ho messo dentro il libro con le istruzioni Tilda, i piccoli ferri di bambu’ con il piccolo, prezioso, gomitolo di lana. Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Ci ho messo dentro la mia tempesta creativa e le mie emozioni.Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Ci ho messo dentro anche i pesciolini che ho creato come orecchini e che sono impaziente di mostrarvi. Qualche foto l’ho messa su instagram. Qualche foto su twitter… ma qui ancora non ve li ho fatti vedere.

E non ha importanza se si vende o meno. Almeno per me dico. Ovvio per chi ci vive di questo ha importanza eccome. Ma come mia madre diceva non devo guardare cio’ che gli altri fanno.

Devo guardare il mio giardino, che per il momento e’ caotico.

E mentre vi scrivo questo il mio amico Gennaro mi scrive una cosa che mi fa riflettere e che da tempo pensavo.  Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Uno deve fare le cose  nella giusta misura.

Per me e parlo solo per me significa fare cio’ che piu’ mi piace: giocare con stoffe, colori, perline, lana.

E cosi nascono i miei sogni. Cosi e’ nata La Boite.

Non sono fatta per stare negli schemi. Per quelli ho la vita di tutti i giorni in ufficio.

Ecco perche’ non mollo. Perche’ produco a tutto spiano.

Io mi diverto.  Riflessioni di una mente creativa in tempesta.

Vi mando un abbraccio,

Ale

La Boite su Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, Blog Lovin.

Pochette shabby e romantica.

Pochette shabby e romantica.

Pochette shabby e romantica. Finalmente Venerdi! Questa settimana e’ stata lunga, o almeno cosi e’ parso a me.

Pensavo di produrre un po’ di piu’ e invece non so perche’ il tempo mi e’ volato e mi sembra di non aver concluso nulla.

Forse dovrei fermarmi un attimo e riorganizzare le idee. Usare quel famoso planner di cui parlo su A Casa di Bridget 

Pochette shabby e romantica Per fortuna domenica ho lavorato tanto e ho prodotto un po’ di cosine. Con mia soddisfazione e orgoglio la pochette Grigia che avete visto su  La Boite Des Etoiles partira’ domani verso Mantova e la borsa a righe di cui ho parlato l’altro giorno dovrebbe finire a Parma…

Mentre creavo la borsa mi e’ venuta in mente questa pochette shabby e un po’ romantica.. il mondello mi piace e la sto praticamente cucendo a raffica. pochette shabby e romantica

pochette shabby, shabby style, make up bag, cosmetic bag, trosse, make up, maquillage, purse E’ un modello semplice  ma mi permette di fare pratica. Applicare una cerniera su una linea curva non e’ per niente semplice!

Soprattutto se stai imparando 😛

La pochette mi piace molto anche se questo tipo di applique’ non mi ha molto soddisfatta. Ci devo lavorare ancora un pochino su. Sono comunque felice dei risultati. E se nessuno la prendera’ ne approfitto per dare un cambio alle mie pochettine stra vecchie.

 

 

E poi a me lo stile shabby piace un sacco. Queste rigone nei toni del rosa e del marrone le danno davvero un tono molto shabby.

Che ne pensate di questa pochette shabby?

Come al solito i dettagli li trovate nell’ inserzione e vi ricordo che se usate il codice LABOITEFREE le spese di spedizione sono gratuite  fino al 30 giugno 🙂

Vi mando un abbraccio e vi ringrazio tanto per i messaggi che mi mandate. Siete davvero molto carine.

Vi voglio bene,

Ale

Voglia di vacanze. Wanting vacation.

Voglia di vacanze. Wanting vacation.

borsa per le vacanze E’ quasi un anno che ho aperto La boite des etoiles. Ammetto che la stanchezza delle mie mille attivita’ comincia a farsi sentire.

Tra lavoro, Elettra e il suo ping pong e questo hobby davvero sento il bisogno di uno stacco e delle vacanze.

Sara’ forse che le vacanze in Puertorico le ho gia’ scordate. Nonostante fossero vacanze non mi sono riposata per niente. Per visitare l’isola ho macinato chilometri a piedi e in auto. Senza contare l’ustione alle spalle. Nonostante io abbia usato una crema prottettiva fattore 50 ogni 10 minuti. Questo mi  ha stressata e fatta piangere non poco.

Poi sara’ che per avviare La boite mi sono data a ogni sorta di progetto lavorando spesso senza guadagnarci nulla ma felice di realizzare tante cose. E sara’ che il pensiero quest’anno di saltare le vacanze a causa degli stage con la Nazionale di Ele mi mette nel mood del “non riesco a staccare”.

Sara’ quel che volete ma io ho voglia di relax!
E pensando  alla mia Austria, alla vita lenta senza pensieri, alle terme e alle piscine ho pensato a realizzare una borsa che possa racchiudere un po’ lo spirito romantico e shabby  dei paesini austriaci e un po’ lo spirito vacanziero da relax termale o da mare se volete (anche se il mare in Austria non c’e’ :P). borsa per le vacanze

Quando vado alle Terme non so mai dove mettere le cose. Ho la borsa plastificata per gli asciugamani ma finisce sempre che tra asciugamani, occhialini, libri e merende non riesco mai a trovare nulla. Cosi ho pensato ad una borsa spaziosa e pratica che possa contenere cio’ che serve: una pochette dove mettere i soldi, il libro da leggere, l’acqua, gli occhiali.borsa per le vacanze Inutile dirvi quanto sono impazzita a rigirare i manici 😀 ma sono davvero soddisfatta.

La borsa e’ molto semplice in quanto serve solo per contenere le cose che necessitiamo quando andiamo in spiaggia.

Ho fatto due manici abbastanza grandi in modo che se vado da sola posso inserire il mio asciugamano. borsa per le vacanze

borsa x vacanze Come unico dettaglio decorativo ho voluto questa coccardina. Un piccolo vezzo per dare movimento alla borsa.

In abbinamento ho fatto la pochette in cui metterci chiavi, soldi, cerotti… tutto cio’ che ho di piccolo.

Non vedo l’ora di usarla. E’ capiente e ci sta davvero tanto. E’ pratica perche’ morbida e quindi la potete piegare se volete e stivare in valigia con facilita’. I manici sono resistenti e li ho realizzati mettendo la stoffa in doppio e ribattendoli piu’ volte.

Per tutti i dettagli (dimensioni, materiali etc) trovate la descrizione nell’ inserzione.

Siete gia’ in vacanza voi?

Un bacino,

Ale

 

 

Un romantico segnalibro tutto verde.

Un romantico segnalibro tutto verde.

Un romantico segnalibro tutto verde.Di che colore e’ la vostra giornata?

Questa e’ la domanda che ogni giorno pone la mia amica Simona sulla sua pagina FB.

Ieri scherzando le ho detto che anche io potrei farlo  giocando con I materiali che utilizzo ogni giorno per cucire, lavorare a magllia, creare.

E cosi ieri sera mentre cucinavo mi e’ balenata un’idea.Un romantico segnalibro tutto verde.

A me piace molto leggere e credo ancora molto nel potere che la carta offre.

In special modo per artisti come Simona. Perche’ dal niente creano un mondo fantastico in cui racchiudere emozioni e sentimenti.

Ma anche per I libri. Ho il Kobo che uso spesso quando sono in viaggio nei tempi morti dei voli o delle attese. E’ piu’ leggero e posso portarmi piu’ di un libro.

Ma il fascino della carta…. Quello rimane integro e quando posso scelgo un libro reale che mi permette di sognare.

Un romantico segnalibro tutto verde.Ecco dunque che essendo io all’antica necessito di un segnalibro. E cosi e’ nata la mia bimba.

Ancora un po’ grezza e’ vero e ci devo lavorare su ma mi p[iace molto molto questo stile romantico.

Ne ho gia’ in mente altre. Mi piacerebbe creare una fata da poter utilizzare per I libri dei bimbi…Un romantico segnalibro tutto verde.

La tecnica che ho usato e’ molto simile a quella che uso per I conigli.

Pensavo di imbottire la faccina per darle un po’ piu’ di spessore. Che ne pensate?

O vi piace di piu’ cosi piatta?

Un romantico segnalibro tutto verde.E poi devo trovare il modo di applicare decentemente I capelli… si lo so sono un vero disastro :/

Spero che vi piaccia la mia bimba… Non le ho ancora trovato un nome…. Qualche suggerimento?

Aiutatemi a trovare un nome carino. Quello che mi piacera’ di piu’ ricevera’ uno dei miei segnalibri con la sua iniziale ricamata.

ATTN: DOMENICA 18 GIUGNO 2017 SERA ORE 20.00 VI COMUNICO IL NOME SCELTO!

🙂

Which color is your day?

This is the question that my friend Simona asks every day on her FB page.

Yesterday I was kidding with her and  I told her that I could do it too  playing with the materials I use every day to sew, knit, create.

And so last night while I was cooking I had an idea.Un romantico segnalibro tutto verde.

I really like reading and I still believe in the power that the paper offers.

Especially for artists such as Simona. Because nothing creates a fantastic world in which to encircle emotions and feelings.

But also for books. I have the Kobo I often use when I travel while I’m flying or waiting to leave. It’s lighter and I can carry more than one book.

But the charm of the paper …. That remains intact and when I can choose I prefer a real book that allows me to dream.

That’s why I need a bookmark. That’s how my creation was born.

Still a bit raw it’s true and I have to work up but I really love this romantic style.

I have already different ideas of it. I would love to create a fairy to be able to use for children’s books …

The technique I used is very similar to what I use for rabbits.

I thought I’d fill the face to give it a bit thicker. What do you think?

Or do you like it so flat?Un romantico segnalibro tutto verde.

And then I have to find the way to apply decently the hair … I know it is a real disaster : /

I hope you like my little girl …

I have not got a name yet …. Any suggestions?

Help me to find a nice name.

I will give one of my bookmark to who find the name I like more 🙂

ATTN: SUNDAY 18 JUNE 2017 EVE AROUND 8.OO PM I WILL ADV YOU NAME I CHOSE!

A big Hug

Ale

<a href=”https://www.bloglovin.com/blog/18940643/?claim=6evg23qfxu7″>Follow my blog with Bloglovin</a>

Borsa estiva. Summer beach Bag.

Borsa estiva. Summer beach Bag.

Borsa estiva. Summer beach Bag.  Avevo in mente questa borsa già da un po’ di tempo. Sapete quando un’idea comincia a frullare in testa?

Così ho voluto provare a vedere cosa riuscivo a tirare fuori dal mio cilindro. Una sorta di prova con me stessa.

I was thinking about this project since a lot. You know when you start to think about a project..
So I started and I tried seeing what I was able to do.

Lo dico sempre: io sono un’autodidatta. Non ho fatto alcun corso. Guardo tutorial, chiedo a chi è più esperto… il che mi costa parecchie prove ed esercizio prima di ottenere l’effetto finale che voglio io.

Borsa estiva. Summer beach Bag.  Amo partire dal niente. Da un semplice pezzetto di stoffa e vederlo trasformarsi in qualcosa. Magari non perfetto, ma è un progetto che nasce dalla mia testa e prende forma nelle mie mani.

I always remind you that I learnt by myself: never did training for sewing. I watch youtube or I ask to who knows. So my problem is that I have to try a lot before I have what I want. I love start from nothing. From a simply piece of fabric. 

Borsa estiva. Summer beach Bag. Talvolta qualcuno mi chiede cosa penso, cosa provo. E’ un po’ come quando si è incinta. Aspetti il bimbo e lo idealizzi. Ti chiedi che faccia avrà e come sarà e poi alla fine hai l’immensa gioia di stringerlo a te.

Ok forse non è così estremo ma un po’ mi sento come una mamma.

Sometimes someone ask me what I think or I feel when I create something. It’s almost like when you are pregnant. You wait your baby thinking to how could be is face or him…  Ok maybe not so extreme but it’s almost what I feel when an idea starts in my head.

 

Borsa estiva. Summer beach Bag.  L’unica parte su cui non sono pienamente soddisfatta sono i manici. Mi sembrano un po’ leggeri.. che per una borsa da spiaggia van più che bene dal momento che porta asciugamani… ho già pensato di realizzarne un’evoluzione 😛

Only part I am not completely satisfied are handles. But I’m already working to new version of my bag 😛

Borsa estiva. Summer beach Bag. Chi mi segue su Fb e IG ha già avuto modo di vederla in anteprima.

Ora eccola qui sul sito.

La borsa è realizzata in 100% cotone bianco con fodera interna in cotone blu a pois bianchi. E’ provvista di tascona sul davanti decorata con un delizioso fiocco. E’ completamente fatta a mano!

Spero tanto che vi piaccia!!!

E’ stata dura ma sono  molto molto soddisfatta del risultato!

Who follow me on Fb n Ig (see link  up) already saw it. 
The bag is made in white cotton and inside with blue cotton. It has a big pocket decorated with a big white bow. I hope you like it as I really worked a lot to make it.
Borsa estiva. Summer beach Bag.

Un abbraccio,

Ale

Tutorial: creaimo i pads di cotone riutilizzabilli!

Tutorial: creaimo i pads di cotone riutilizzabilli!

Tutorial: creaimo i pads di cotone riutilizzabilli! Ciao Ragazze! In molte mi avete chiesto come realizzare i cotoncini riutilizzabili e ho pensato di creare questo piccolo tutorial. Spero di essere chiara ma credetemi realizzarli e’ davvero semplice!

Vi occorrono:

1 asciugamano (io per i miei ho usato un asciugamano che non utilizzavo piu’)

stoffe colorate

fliselina

 

Vi lascio qui il pattern per poterli realizzare. Io li ho fatti tondi ma voi potete realizzarli anche quadrati se preferite.  Tutorial: creaimo i pads di cotone riutilizzabilli!

Hi Girls! As in many u asked me how to do my reusable pads I thought to write this small free tutorial. I hope to be clear but believe me it’s really simple create them.
You will need:
1 towel (x my pads I used an old towel)
coloured fabrics
interface
I leave here free pattern to use for them. I did them round but if you prefer u can do squared.

Con il ferro da stiro caldo attaccate la fliselina in modo da dare un minimo sostegno alla stoffa. Quest’operazione rende piu’ semplice attaccare la stoffa all’asciugamano quando andrete a cucire.

A questo punto ritagliate i vari cerchi utilizzando il cartamodello che vi ho allegato.

Unite il cerchio di stoffa all’asciugamano aiutandovi con uno spillo e cucite a macchina utilizzando un punto per bordare. IO ho utilizzato un punto come qs: VVVVVVVVV molto stretto.

Fine del lavoro: avete i vostri pads.

Se li volete piu’ spessi utilizzate un cerhio di asciugamano al posto della stoffa. In questo caso avrete due strati di asciugamano.  Io li preferisco leggeri.

Reusable round cotton pads. Dischetti di cotone riutilizzabili. With iron glue the interface to fabric just to give support to  fabric. This thing helps you when you will sew towel to fabric. Now. cut all rounds from fabric and towel using my pattern. Attach round fabric to round towel using a needle and go to sew using a stich for edges. Just to let you understand (i’m sorry I don’t know how it’s called in English) I used this kind of stitch: VVVVVVV.
End of story: your pad is done. If you prefer have more a pad more weighty use a towel round instead of fabric. So you will have 2 towel rounds. I still prefer more light so I use fabric+towel.

Spero che questo piccolo tutorial vi sia di aiuto,

I hope this tutorial could helo you!
A big hug 

Ale

 

 

 

 

 

 

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.In questi giorni di festa ho davvero cucito l’impossibile, come se non ci fosse un domani. Ho prodotto un bel pò di pochette in viola e in verde che ho consegnato a Valentina sabato mattina. Un ponte davvero creativo. A creative holiday. Viste tutte insieme mi fanno impazzire. Mi piacciono questi toni accesi, il romantico del pois, la soddisfazione di vedere che ad ogni pochette che creo miglioro sempre nella qualità del lavoro.

Mi ha emozionoto moltissimo applicare per ognuna la mia etichetta. Vedere la scritta della mia piccolo attività amatoriale a tempo perso mi ha resa davvero orgogliosa. In più ho colto l’occasione di vedere la mia amica Viviana e sua sorella Valentina e la loro splendida mamma. Con Vivi ci sentiamo e ogni tanto vediamo mentre Valentina l’ultima volta che l’ho vista era una ragazzetta. Ora è una donna meravigliosa con due bimbi bellissimi…

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Per la mia amica ho poi realizzato questa piccolo borsa da tenere in mano. E’ stata un pò un’impresa ammetto e ho posizionato per la prima volta una chiusura magnetica. Ho realizzato poi che forse potevo rinforzare la fodera con la teletta come ho fatto con la pattina. Poco male la sistemerò nel caso dovesse cedere sostituendo la fodera. 🙂

Si impara sempre dagli errori no?

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Per Simona invece ho realizzato questo ppiccolo portamonete. Anche questo è stato un vero e proprio banco di prova. Doveva avere una trapuntatura ma ho desistito. Ho un altra chiusura di qs genere e sto pensando di ritentare perchè non esiste che io non abbia capito come trapuntare!

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Per Silvia ho creato invece questo ranocchietto che si chiama Miguel come la sua rana. E’ il principe ranocchio anche se, a baciarlo, rimane ranocchio. Io lo trovo molto dolce e anche monello perchè non riuscivo ad applicargli la coroncina  ahahahah.

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Quel musetto adorabile mi fa impazzire!!! Lo so, lo so… non ci si loda… ma mi piace troppo! devo farne uno per me 😛

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Ho cominciato a preparare le bamboline e le pochette Verdi per Dolce&Salato per la Festa della Mamma. Mi rende orgogliosa che Simona abbia scelto le mie idee da poter abbinare ai suoi dolcetti. Come aveva fatto per la Pasqua.

Un ponte davvero creativo. A creative holiday.Infine è andato bene anche il mio primo ordine su Etsy! Qui I pad che ho realizzato per la cliente nei colori che ha scelto lei.

Ho davvero lavorato tanto e imparato tanto. E ogni giorno mi appassiona di più!

E voi che avete fatto? Sarete andate in giro immagino 🙂

Se avete voglia ecco il link del mio negozietto: https://www.etsy.com/it/shop/Laboitedesetoiles

ma potete trovarmi anche su:

Instagram come ale_laboitedesetoiles,

Facebook come La boite des étoiles

Pinterest come La boite des étoiles

Google + come La boite des étoiles

Grazie a voi per aver reso questo possibile: incoraggiandomi, stimolandomi, dandomi sempre idee e tanta soddisfazione!

Vi mando un abbraccio!

Ale

 

 

Sewing with love, cucendo con amore.

Sewing with love, cucendo con amore.

Sewing with love, cucendo con amore.

Sewing with love, cucendo con amore.Ieri sera mi sono dedicata alla creazione di questa coppia di coniglietti per un’amica. Rappresentano due sposini innamorati come il primo giorno che si sono incontrati proprio come lei e suo marito.

Mi ha detto cosa voleva, il colore che aveva scelto e dove andranno a sedersi. Così ho iniziato a lavorarci su lunedì sera mentre attendevo che Ele tornasse da Linz.

La cosa che più mi piace dell’essere creativa è il vedere come le idee e i progetti si trasformano man mano che li realizzi. Sono partita da una richiesta come un cuore e una stella in mano ai coniglietti ma poi nella mia testa ques’immagine si è elaborata e ho pensato che se tengono in mano qualcosa non possono abbracciarsi, amarsi.

Quando ho fatto la foto per mostrarglieli ho proposto di far tenere in mano loro un cuore in modo da poter essere uniti poi in un abbraccio.

Io li trovo molto teneri e dolci e anche a Serena sono piaciuti. Stasera realizzo il cuore che sarà una sorta di port bonheur rigorosamente in stoffa rossa.

E dire che 6 anni fa neanche sapevo infilare il cotone nell’ago!!

Yesterday I dedicated my evening to create this couple of bunnies for my friend. They are 2 married bunnies in love like their first day they met. Just like her and her husband.
She told me what she wanted, colours and place where they will be placed. So I started to work on this project Monday evening while I was waiting Ele coming back from Linz.
The thing I really like on being creative is seeing how ideas could change and transform while you work on your project. In the beginning male bunny should hug a star and female bunny should hug an heart but then in my head I thought that if they keep something on hand they are not able to hug, love.
When I took pics to show to Serena I suggested to create only 1 heart they can keep on hand and leave them in an eternal hug.
I find them very sweet and also Serena liked them.
I will finish this evening realizing a big red heart, a sort of port Bonheur of course in red fabric.
I am amazed sometimes if I think that 6 years ago I wasn’t able even to put yarn on needle!

Se ripenso ai miei primi lavori così imperfetti e bruttini mi rendo conto che ho percorso tanta strada. Per questo tipo di cose non serve fare corsi particolari. Io ho imparato da sola. Provando e riprovando. Guardando video su youtube, seguendo i suggerimenti che mi sono arrivati da chi era più esperto.

E non vi serve neanche una macchina da cucire stratosferica. Mi rendo conto che siamo bombardati da ogni sorta di prodotto super specializzato nel creare cose fantasmagoriche.

Puoi comprare la migliore macchina da cucire del mondo, la migliore attrezzatura ma se non ci metti cuore e non ci provi i progetti non prendono corpo.

Copiare e seguire le istruzioni di un pattern è semplice. Dargli vita, quel dettaglio in più che lo rende unico e diverso dagli altri è un’altra faccenda.

Partire da zero e disegnare un’idea è qualcosa che da una soddisfazione unica. Ma siamo sempre lì: bisogna metterci amore.

Sewing with love, cucendo con amore.Sewing with love, cucendo con amore.

If I think to my first project so imperfect and ugly I see how many work i did to be better.
To learn to sew it’s not necessary do special trainings. I just learnt by myself. Just tried n tried n tried again.
I watched video on you tube and asked to who was expert.
And you don’t need any super best high tech sew machine or best tools if you don’t put love on what you are doing.
Copy and follow a pattern and his instructions it’s really simple and easy. Give it life, adding a detail to transform it in something unique… well this is the difference.
Start from nothing and draw your idea gives you lot of satisfaction! But again: you have to put love in what you are doing.

Sewing with love, cucendo con amore.

Sewing with love, cucendo con amore.Provate sempre a fare le cose. Siate coraggiose e lasciatevi guidare dal vostro estro e metteteci tanto amore.

Vedrete che le cose nelle vostre mani si trasformano e saranno stupende perchè le avrete realizzate voi ma soprattitto saranno uniche.

Spesso vedo cose realizzate in serie tutte uguali. Io creo su misura. Parto da un’idea che mi viene proposta da chi mi richiede un lavoro. Come nel caso di questi coniglietti. Serena voleva una coppia: una femminuccia e un maschietto. E da questo sono partita. Non ho ancora la foto finale ma mi piacerebbe mostrarvela quando giungeranno nella loro destinazione.

Curo ogni dettaglio, spesso cucio a mano, ricamo o aggiungo qualcosa per impreziosire il mio lavoro. Posso cucire 20 conigli se volete ma non saranno mai mai mai uguali uno con l’altro perchè ad ogni coniglietto che creo metto amore e passion e ognuno di loro ha il compito di rendere felice qualcuno.

Sewing with love, cucendo con amore.

Sewing with love, cucendo con amore.Be brave and try to do new things, new challenges and put on it love!

I saw lot of times things made in series just to sold. I make things on your ideas. I start with your idea and just create. Like these Bunnies where my friend told me colors and her idea.
I take care of any details, often I hand sew, I embroider I make something unique and precious. I can sew 20 bunnies but believe me, they will be different. You will never see the same bunny as I will add to every doll something to be unique.
All my creations are made with love, care and passion and they are realized only for you. And every item has the mission to make happy someone 🙂

Sewing with love, cucendo con

 Vieni a trovarmi sulla mia pagina Facebook  troverai  tante idee da realizzare e tanti pattern free dal web. Se poi hgai un dubbio o hai bisogno di un consiglio puoi lasciarmi un commento o scrivermi a alessia@laboitedesetoiles.com.

Come to visit me on my Facebook you will find many ideas and free pattern from web. Then if you need help just ask to me leaving a comment or wirte an email to alessia@laboitedesetoiles.com

A presto, Ale

 

Reusable round cotton pads. Dischetti di cotone riutilizzabili.

Reusable round cotton pads.  Dischetti di cotone riutilizzabili.

Reusable round cotton pads. Dischetti di cotone riutilizzabili.Se vi truccate sicuramente avete un incontro quotidiano con i dischetti di cotone usa e getta. Parlo di quelli bianchi che al super vendono per poco meno di 2 euro.

Pratici sono in effetti pratici. Li usi e li butti via senza pensarci più. Finchè una sera mi sono resa conto di quanti ne usavo per volta.

Mi sono trovata con 6/7 dischetti malconci sul lavandino.

Ci avete mai pensato a quanti ne usate?

Un giorno ho scoperto attraverso un’amica che ci sono i dischetti proprio per questo uso che si possono lavare.

Sono dei dischetti di spugna che basta inumidire, cospargere del proprio prodotto struccante e si passano sul viso esattamente come i dischetti di cotone che buttiamo via. L’unica differenza sta nel fatto che possiamo lavarli in lavatrice e tornano nuovi.

If you are make up addict like me you have a daily meeting with cotton pads to remove your make up. I’m talking about round cotton pads you can easily find on supermarket and you throw away after use.
They are really useful: you use and throw away without think. Till the moment I realized how many pads I was using every time.
Have you ever think how many pads you use every day?
One day talking with a friend I found existence of reusable round cotton pads. They are cotton pads you can use and wash.
You have only to wet it with water then put your make up remover and pass on yr face exactly like others. Then you wash it under water and you can reuse it. When they are dirty you can wash it when you do your laundry. Reusable round cotton pads. Dischetti di cotone riutilizzabili.

L’altra settimana stavo ripulendo il mio craft-buco e ho ritrovato un asciugamano che stavo ricamando e che avevo abbandonato anni fa.

L’ho lavato e ho provato a realizzare questi pads. I primi inutile dire che mi sono venuti fuori di tutte le forme possibili e immaginabili tranne quella tonda che volevo io.

Perchè non so voi… ma per me il dischetto deve essere tondo… anche se poi tondo, quadrato o a rombo… è la stessa roba.

Ed ecco che sono nati i miei paddini. Ne sono molto orgogliosa. Il colore è scuro è vero… ho preso della spugna più chiara per vedere di farne altri.

Sono orgogliosa lo stesso! Sono davvero carini e utili, si possono utilizzare e lavare e usare di nuovo.

Meno spreco no?

Last week I was cleaning and re organizing my craft hole and I found an old towel I was embroidering. I abandoned it some years ago.
So I washed it and I tried to make my pads. Ok first I did was in every possible way except round. But in my mind pads are round so I tried and tried and finally I made my personal pad!
I’m really proud of my pads and I want make some other in a different colours. Reusable round cotton pads. Dischetti di cotone riutilizzabili.

I dischetti sono fatti in spugna di cotone da un lato color grigio mentre dall’altro sono in stoffa colorata sempre di cotone. Ho realizzato un sacchetto di cotone in modo da poterli richiudere e lavare in lavatrice.

che ne pensate? Vi piacerebbe un tutorial per farli?

Reusable round cotton pads.  Dischetti di cotone riutilizzabili.Pads are in cotton towel grey colour and other side are in cotton fabric. I also made a bag to use when you wash it.
What do you think? do you like it? Do you want a free tutorial?

Let me know!

Ale