Promossi e bocciati di settembre!

Promossi e bocciati di settembre!

In attesa di cominciare i tutorial per cui mi serve la macchina fotografica ma soprattutto il marito che spiega come si usa… ecco un video chiacchiere.

Ho pensato di farvi i promossi e i bocciati di questo mese sui miei acquisti e il materiale che uso. Magari non vi interessa  o magari si… intanto mi vedete in faccia e scambiamo 4 chiacchiere.

Fatemi sapere se questo tipo di video può esservi utile in qualche modo.

Non appena possibile vi giro il tutorial del funghetto. Vi chiedo scusa ma con il cellulare non riesco a riprendere ciò che sto cucendo e devo sistemare le luci.

Vi prometto che non appena possibile ve lo metto on line!

Promossi e bocciati perché?

Perché anche a me a volte le ciambelle non escono con il buco e prendo cantonate!!!!

Vi lascio qui il link ai post sulla review del libro di Martha e della lana Noro.

Buona giornata!

 

Il famoso libro di Martha Stewart.

libro Martha Stewart Libro Martha Stewart.

Oggi vorrei parlarvi di un libro che ho acquistato tempo fa. L’autrice è proprio lei: la regina incontrastata della casa, la mente che sta dietro a tutte le maniache dell’ordine e del pulito, la perfetta donna di casa Martha Stewart!

Così quando ho visto questo libro sullo scaffale della libreria non ho potuto resistere e l’ho comprato quasi senza pensarci su. In fondo parliamo di Martha Stewart… colei che una ne pensa e 100 ne fa.

Ovviamente essendo una craft addicted non potevo non comperare un libro con idee da realizzare con le mie mani.

Il libro di Martha Stewart mi appariva così perfettamente perfetto!

Copertina accattivante, colori accesi che non passano inosservati e la promessa di ben 160 idee da realizzare con le tue manine per essere perfetta in ogni occasione alla modica cifra di 14,37 euro.

Potevo lasciarlo lì?

No che non potevo.

Così in queste settimane l’ho consultato, letto, riletto nel tentativo di trovare un’idea che fosse carina da realizzare e mostrarvi qui.

Che dire… a me non è piaciuto questo manuale. Da Martha mi aspettavo di più!

Voglio dire… sei la regina del fai da te… mi aspettavo qualche idea scenografica o comunque originale.

Mi sono ritrovata con un gruppo di idee che andrebbero bene alla scuola materna con i bimbi.

Forse sono io che non colgo la creatività di questa donna… ma spendere 14 euro e rotti per usare la carta velina o disegnare una renna… no ecco… ci arrivavo da sola.

Mi spiace lasciare una review negativa cara Martha. Pensavo di trovarmi con idee meravigliose come se ne trovano spesso sul web gratis. Invece mi sono trovata con un manualino del bricolage dilettantistico.

Capisco che abbiamo tutti livelli e capacità diversi. Il bello di proporre alcuni progetti è quello di mixare progetti semplici con qualche progetto più impegnativo.

Oppure scrivilo: 160 idee per la scuola materna. Uno lo sa e sceglie se prenderlo o meno.

Il mio parere è che qs libro sia un ottimo frutto del marketing. Un bel pacchettino confezionato in toni sgargianti e condito con la celebrità di un mostro sacro del diy ma con dentro niente.

Lo volete un consiglio? Risparmiate quei 14 euro e andate sul web. Siti come creatività organizzata offrono idee gratuite per ogni occasione.

Per il resto sono sicura che i vostri bimbi all’asilo sapranno certamente spiegarvi come ritagliare una renna dal cartoncino.

Un abbraccio,

Ale

 

Dal Giappone arrivano i filati NORO.

filati noro

filati noro Spesso quando mi scrivete su Instagram o su Facebook mi chiedete se con questo o quel prodotto mi trovo bene o se consiglio questa o quella cosa etc.

Con i libri che intravedete spesso mi chiedete una recensione o dove li ho presi. Cosi ieri vi ho chiesto se vi sarebbero interessati i pareri sui materiali che uso, i negozi (online e non) che scelgo, i materiali che uso e mi avete risposto che vi piacerebbe. Ed eccomi qui dunque con la mia prima piccola Review.

Prima di partire e’ doveroso dirvi che:

NON SONO PAGATA E NON RICEVO ALCUNA AGEVOLAZIONE, SCONTO O MATERIALE per scrivervi il mio parere. Pago tutto di tasca mia, ordino di persona e se mi piace ci torno se non mi piace lo dico. Quindi e’ la mia personalissima opinione non influenzata per pubblicita’ o benefit.

Oggi vorrei parlarvi di un filato che impazza e amalia nel mondo del web, delle knitters, di ravelry e tutto l’universo della maglia.

Io non compro on line i filati. Preferisco sempre sceglierli dal vivo. Non che io sia una knitter designer super top come Emma Fassio o la Cosciani o chi per loro… non sono poi cosi brava… mi piace solo e mi incanta vedere i gomitoli, sentire quanto sono soffici. Ma la cosa che spesso mi succede e che mi piace e’ che quando li vedo mi arriva l’immagine di cio’ che potrei farne.

Purtroppo i filati Noro qui in Italia li trovate solo on line. O almeno… io non li ho ancora visti in negozio qua a Milano…

E’ capitato che, facendo un giro da Bastel in Lussemburgo, questo inverno io sia incappata in questo particolarissimo filato. E’ stato amore a prima vista!

E io lo trovo perfetto per gli scialli di Emma Fassio.  filati noroO meglio… l’ho visto con la mia mente bacata.

I filati Noro arrivano da molto molto lontano. Arrivano dal Giappone dove il fondatore dell’azienda Eisaku-san controlla, ispeziona e gestisce di persona la produzione insieme al figlio.

Le fibre animali arrivano da aziende bio australiane, dalle Isole Falkland e dal Sud Africa.

Cosa rende i filati Noro speciali? La lavorazione artigianale di un paese che mette cura e amore in ogni dettaglio.

 filati noro Il costo per singolo gomitolo (che solitamente e’ di 50gr) va dai 7 ai 10/12 euro. Dipende ovviamente dalla composizione. Impiegano seta, mohair, lana, alpaca.. tutti materiali di prima qualita’. Ecco quindi il costo non proprio economico.

Io ho scelto il Silk Garden che e’ composto da 45% seta, 45% mohair e 10% lana. La stranezza e’ che pur essendoci il mohair che e’ sofficissimo questo filato risulta un po’ ruvido. Forse perche’ la seta lo e’.

Ecco perche’ io preferisco sempre tastare con mano. Perche’ io mi sono fatta un’idea e invece e’ tutt’altro.

Il costo… io l’ho comprato in Lussemburgo e credo di averlo pagato attorno ai 9/10 euro. Non lo ricordo sono sincera. Ma ne vale la pena. La consistenza e’ unica.

Pur essendo un filato non finissimo e molto rustico (si lavora con i ferri del 4/4.5) dona una consistenza lieve e leggera alla vostra lavorazione.

Se penso ad un termine per definirlo direi che e’ RAW, crudo, rustico, artigianale. Ed e’ per questo che mi piace un sacco. Mi rappresenta tantissimo. Mi piace questa sua rusticita’ e questo suo essere non perfetto, lineare come accade ai gomitoli di solito.

Io lo scialle non l’ho ancora finito ma perche’ io sono cosi… una lumaca. 

Ve lo mostro piu’ avanti. Ma se avete in mente di realizzare uno scialle o una sciarpa speciali… questo filato e’ assolutamente fantastico!

Vi lascio il link del sito dell’azienda: www.eisakunoro.com 

Spero che questa piccola review vi sia piaciuta. Io non sono una del settore. Cio’ che ho imparato l’ho imparato da sola, facendomi esperienza e provando.

Vi mando un bacione,

Ale

filati Noro