Due chiacchiere con Anita Vittur.

Anita Vittur

Anita Vittur Oggi incontriamo una fatina che vive nel paesaggio spettacolare del Trentino. Una donna che ha deciso di inseguire un sogno e mettersi in gioco. Una persona speciale che attraverso le sue creazioni ci dona un pezzetto di se.

Incontriamo Anita Vittur, padrona di casa de L’angolo di Anita!

Io l’ho scoperta su Instagram incappando in foto magiche e meravigliose. Foto che parlano di paesaggi dolci di montagna e di semplicita’. Anita e’ sempre disponibile e spesso ci scambiamo battute. E’ gentile e spiritosa. Ma soprattutto e’ davvero una grande artista. Ecco dunque la sua intervista!!

A lei come alle altre ragazze speciali che pian piano vi presento ho fatto le mie solite domande.

Prima di lasciarvi conoscere Anita vi ricordo che ha creato un preziosissimo corso di cucito in cui ci aiuta e ci svela i segreti della macchina da cucire. Vi lascio il link qui!

Anita VitturPronte? ecco l’intervista!

Ciao Anita innanzitutto  grazie per aver accettato di partecipare!

Grazie a te per l’invito !
Rispondo con piacere !!


1/ Ti va di parlarci un po’ di te e della tua avventura? Chi e’ Anita Vittur? Cosa sta dietro (se e’ possibile saperlo) al tuo lavoro?

Anita Vittur è una maestra d’arte, una sarta,una stilista e modellista specializzata. Anita Vittur è anche una maestra di sci,snowboard e Nordik Walking.
Ci tengo a parlare anche di questo aspetto di me, in quanto credo che una figura professionale non potrebbe esistere senza l’altra. Ma Anita è anche una mamma, ed è forse da quando è diventata mamma che ha sentito il bisogno di modificare il suo percorso.
Dietro al mio lavoro ci sono più di 20 anni di esperienza, una cura maniacale dei dettagli ed uno studio approfondito delle tradizioni profondamente radicate della zona in cui ho il privilegio di vivere:l’ Alto Adige e in modo particolare Le mie Terre Ladine. Ancor prima di essere italiana io sono una Ladina e la mia terra mi ha forgiato nel carattere e nelle scelte che ho fatto. Credo fortemente che per vivere e amare il posto dove abito, devi vivere e amare la Natura, altrimenti qui non resisti. Una Natura fatta di quelle piccole grandi cose che possono bastare a se stesse e che solo imparando a vivere e ad amare profondamente riesci a comprendere e rendere tue ! Da qui nasce, oltre la passione per la Creatività, la mia grandissima passione per lo sport. Questi due aspetti della mia vita mi bilanciano e mi rigenerano mentalmente e fisicamente.


2/ Quando hai cominciato a creare?

Ho cominciato a creare davvero molti anni fa, perchè gia durante il periodo delle scuole medie mi sono appassionata alla creatività, con un interesse particolare al mondo della moda e dei tessuti .
Il mio interesse è sempre stato più rivolto allo studio del costume in se, piuttosto che al mondo delle tendenze vere e proprie. Sono una sostenitrice dell’ individualità, quindi credo che ognuno dovrebbe adattare le tendenze al proprio modo di essere e vestire, rimanendo fedele a se stesso. Anita Vittur


3/ come e’ nata questa tua passione? 

La mia passione è nata con i primi esperimenti che facevo da bambina con i vestiti di carta, poi a scuola mi sono appassionata alla pittura su seta, che ho davvero amato tanto. Ho poi frequentato l’ Istituto Statale d’Arte a Cortina d’Ampezzo doveva progettavamo tessuti. Durante un gemellaggio con una scuola di moda di Riccione, abbiamo creato la nostra prima sfilata di moda con i tessuti realizzati da noi  a Cortina, mentre a Riccione avevano confezionato gli abiti.
Quell’ esperienza è davvero stata forte per me e mi sono resa conto di quanto le sinergie possano essere potenti. É stata una delle esperienze scolastiche più interessanti che abbia fatto.

Accanto alla Creatività, ho un’altra passione molto forte, che è quella dello studio ! Ho passato tutte le scuole che ho frequentato, con i migliori voti, in qunato ho sempre sentito e continuo a sentire molto forte il senso del dovere e dell’impegno profondo in quello che faccio. Non conosco le mezze misure e se comincio qualcosa do sempre il massimo ( ogni tanto anche troppo…ma qui probabilmente subentra quella parte un po’ crucca di me ;))))


4/ Qual e’ il lavoro a cui sei piu’ legata , che ti ha dato piu’ soddisfazione e che hai amato di piu’?

Sono un po’ di più di uno i lavori che ho amato tanto !
– Ho fatto molti abiti da sposa : mi danno una soddisfazzione pazzesca !! Più sono difficili da realizzare, meticolosi nella realizzazione e particolari….più li adoro !!
– Le Tracht : tipico costume antico Ladino . 70 h di lavoro circa cadauno….Una meticolosità maniacale, un mix di maestrie artigianali fantastico, tessuti antichi magnifici, tanta storia e cultura ! Ho amato tantissimo realizzarli, studiarli, presentarli durante manifestazioni importanti, ma mi hanno anche messo anche molto in crisi….Tutte quelle ore passate a crearli, mi toglievano tempo per le altre cose che avrei voluto fare…..
– I WORKSHOP che sto facendo da 3 anni a questa parte mi danno molta soddisfazione sia per le super Sartamiche che ne nascono sia per come io abbia imparato a gestire un corso, e vi assicuro che nulla è lasciato al caso. C’è uno studio molto approfondito in quello che faccio e quello che insegno.
– IL MIO CORSO DI CUCITO ON LINE : una delle sfide personali più grandi per me. Mettermi davanti ad una telecamera, parlare, filmarmi, montare il video e lanciarlo ! Un anno fa avrei pensato fosse impossibile !!!


5/ Da cosa trai ispirazione per le tue creazioni?

Traggo ispirazione da quello che mi circonda, dalla Natura, dalle tendenze, dal mio stile di vivere, dai luoghi che abito, da belle immagini, da chi è più bravo di me, da tutto quello che in generale mi da una sensazione di benessere! Ma anche dalle persone che incontro e da quelle che durante il mio lavoro invernale come maestra di sci, in qualche modo lasciano l’impronta nel mio cuore. Ognuna di queste persone in qualche modo mi ispira e mi apre la mente. É un viaggio davvero bellissimo .


Anita Vittur6/ Quali sono i progetti e i sogni per il tuo futuro?

Sto lavorando ad una piccola linea di abiti e accessori per la casa in stile mountain, che vorrei rappresentassero un po’ tutto il mio mood. Amplierò il mio portale di corsi on line, in quanto credo sia un ottimo modo per poter imparare quando e dove vuoi ! Tra i miei sogni c’è sicuramente quello di finire il mio e-book e di collaborare con qualche creativa dalle ampie visioni, per creare una rete di workshop che non parli solo di cucito ma della creatività in genere, come metodo per creare e rigenerare se stessi. Sto lavorando al progetto di creare delle vacanze retreat nelle mie zone, dove affiancare alla creatività, l’attività all’aria aperta.

7/ Un messaggio che vuoi dare a tutte le creative? 

Il messaggio che voglio mandare alle Creative è quello di prepararsi su quello che vogliono fare, studiare i dettagli e non muoversi troppo a casaccio. L’ imput creativo non dovrebbe essere troppo slegato dal metodo, altrimenti si rischia di non portare a termine i lavori che si cominciano, e a lungo andare questo inibisce gli stimoloi anche delle più appassionate. Partire senza una meta precisa porta con se il rischio di smarrirsi lungo il cammino, e non c’è nulla di peggio che perdersi a metà creazione.
A quelle che invece la Creatività l’hanno scelta come mestiere, il mio consiglio è quello di studiare. Studiare le tecniche e i modi che la tecnologia oggi regalano per muoversi, per farsi conoscere, per promuoversi e per crescere sia come persone che professioniste. É richiesta sempre più conoscenza in quello che facciamo, se vogliamo distinguerci e essere solo delle brave creative non basta, c’ è molto di più secondo me ! Ricordiamoci sempre che la Creatività è anche la chiave per sapere interpretare la vita con fantasia ed avere la flessibilità mentale di evolvere e crescere !

Grazie cara Anita! Per aver risposto alle mie domande ed esserti presentata a noi!

Vi ricordo che Anita oltre al meraviglioso sito ha anche una pagina Instagram e una pagina Facebook! Inoltre la trovate su Youtube con tante idee e suggerimenti!

Un abbraccio

Ale

Il vostro angolo creativo: un caffe’ con Simona!

Il vostro angolo creativo: oggi prendiamo un caffe’ con Simona Candido!

angolo creativo

Buongiorno amiche!

Oggi nel nostro angolo creativo incontriamo Simona Kandido la mamma delle Peppine che ogni mattina dalla sua pagina Fb ci cololra la giornata!

 

A lei ho posto le solite domande e Simona si e’ raccontata attraverso di esse svelandoci cosa c’e’ dietro a quelle simpatiche bamboline!

Simona e’ brillante. Mi fa morire dal ridere con la sua verve.

E’ una creativa compulsiva come me e quindi non potevamo non amarci ahahahaha!!!

Ma ora lascio parlare lei 🙂  angolo creativo

Chi è Simona Kandido? Intanto è Simona Candido che ha sostituito la K con la C del cognome in onore ad un grande artista contemporaneo “Kandinsky” (lei non lo sa ma io amo Kaninsky, nota di Ale).

Ma Potrei dire che Simona è una mamma di 3 figlie. Mamma a tempo pieno perché mio marito fa un lavoro che lo porta a stare lontano quasi 24 ore su 24 ed io ho dovuto diventare il punto di riferimento per le ragazze.

Ma  amo pensare che Simona è un’artista, una pittrice e illustratrice, che ama far vivere le sue illustrazioni e i suoi quadri. Dietro al mio lavoro ci sono anni di studio, sia scolastico, ma come ben si sa, spesso la scuola è fatta solo per darti le basi e poi il resto lo devi fare te, sia personale.

Infatti la mia ricerca continua sempre sia come sperimentazione di tecniche, sia come ricerca personale, sia come ricerca teorica.

Ma dietro al mio lavoro c’è soprattutto la passione nata sin da piccola e forse si può dire anche il DNA visto che mio nonno era un pittore molto particolare, dipingeva con i pezzetti dei francobolli, e mi ha messa all’opera sin da piccola (3 anni). C’è da aggiungere che anche il posto in cui sono nata e il suo splendido artigianato, la cartapesta e la pietra leccese hanno fatto il loro lavoro e quindi la storia del Salento che mi ha sempre spinta ad imparare, capire, creare.  E quindi posso dire che la mia passione è nata sin da subito, anzi amo dire che la mia arte è nata nello stesso momento in cui sono venuta al mondo e come un’ancella fedele mi guida alla scoperta di nuove ricerche restandomi sempre fedele.

angolo creativoHo cominciato il mio vero percorso a 11 anni. Ho deciso che dopo le scuole medie avrei voluto fare il liceo artistico. Così mia mamma ha deciso di farmi fare la scuola media annessa all’istituto d’arte. Quindi sin da subito ho capito cosa significava creare e cercare tutte le forme possibili per creare progetti da presentare ai professori d’arte, e sin da subito ho cominciato a respirare in una scuola d’arte, tra le sale di scultura e pittura. Arredamento e oreficeria.

Finito la scuola media naturalmente sono stata sempre più decisa e convinta di continuare al liceo artistico. Ho avuto la possibilità di incontrare delle persone uniche tra professori e compagni di corso che nonostante la giovane età mi hanno dato la possibilità di capire molte cose a livello artistico e con loro ho appreso anche tecniche creative diverse da quelle solite che si insegnavano a scuola.angolo creativo, Simona Kandido

Ho poi continuato il mio studio con due anni di accademia che però ho lascito per intraprendere lo studio di beni culturali, un momento in cui cercavo più le basi teoriche che le pratiche, ma li mi sono resa conto che la pittura mi mancava. Adoravo (e adoro) studiare i grandi artisti ma mi piace mettere in pratica le tecniche e spesso mi sono dilettata con le antiche tecniche cercando di rimodernarle di stravolgerle di unirle. Ho imparato a lavorare la cartapesta e a scolpire la pietra leccese, ma ho anche imparto le tecniche più femminili del ricamo, maglia, cucito e uncinetto. Insomma tutto quello che era il creare era mio.

Ma i lavori che adoro di più sono due, uno è la pittura, lo stare davanti a grandi tele e a poter vedere i colori che prendono vita. Diciamo che ho costruito una tela di colori dentro di me, fatta di lunghi percorsi di strade in salita e in discesa, che mi hanno portata anche a dubitare della mia arte fino a vedere scolorire quella tela. Fino a quando ho ricominciato a crederci sul serio e ho cercato di costruire quella tela dentro chi ha la capacità di ascoltare i propri sentimenti.

angolo creativo, Simona KandidoCosì è nata la mia collezione di palazzi, da cui è stata fatta anche una mostra, una serie di tele eseguite a tecnica mista (acrilici, olii, malte ed altro) dipinte a colori per sopraffare un mondo che cominciava a respirare in bianco e nero. E’ quasi stata un’impresa impossibile, mi sembrava “l’infinito in un passo”, il percorrere una strada dove si ergevamo palazzi di mille colori. Ma alla fine sono riuscita a terminarli, anche se in testa ne ho ancora tantissimi con quel tema.

L’altro lavoro è l’illustrazione, dove viene fuori tutto il mondo fantastico che ho dentro.

Esperienza nata dalla mia tesi di laurea dove ho cominciato a studiare tutti gli illustratori per l’infanzia dagli antichi come Rackhman (illustratore di PeterPan),ai più moderni come Sergio Tofano (Sto, disegnatore del signor Bonaventura), ai manga.

Con la nascita delle mie figlie mi sono poi sbizzarrita non a raccontargli le fiabe ma a disegnargliele, e così sono nati tanti piccoli personaggi fatti a modo mio.

Poi è arrivata l’esperienza del negozio aperto in società con un’amica.  Vendevamo materiale per hobbistica e belle arti e avevamo la possibilità di provare tutti i nuovi materiali. Avevamo anche il laboratorio dove organizzavamo corsi di pittura e hobby vari.

In negozio ho conosciuto quelle che oggi sono ancora le mie amiche più care e che mi sostengono sempre in tutto.

Poi con la crisi abbiamo deciso di chiudere ed è arrivata la mia terza figlia e con lei la Peppina, un personaggio nato dal mio gruppo di amiche che si riunisce ancora oggi per prendere il caffè insieme  (dalla famosa canzone il caffè della Peppina).

Da questo personaggio poi sono nate i personaggi delle favole ,dello zodiaco, degli sport, dei mestieri e via dicendo, e dalle illustrazioni hanno poi preso vita i miei ciondoli, le magliette dipinte, i quaderni, le borse e chi più ne ha ne metta.

Nel frattempo con una vecchia collega universitaria abbiamo cominciato a parlare di un progetto sulla dislessia ( essendo tutte e due dislessiche e avendo i figli dislessici) e da qui ne è nato uno dei libri illustrati, quello di  Ghibula. Ma ci sarebbe tanto altro da raccontare, solo mi fermo qui e invece di parlare del passato do uno sguardo al futuro con tutti i progetti che vorrei realizzare, uno dei quali (il  più imminente) è quello delle illustrazioni per il calendario 2018. angolo creativo, Simona Kandido

Un’idea c’è già e sta prendendo vita giornalmente nella mia pagina Facebook  (https://www.facebook.com/SimonaKandido) e su Instagram (https://www.instagram.com/kand21) .

Anche se in realtà c’è un progetto ancora più grande che, da qui a inizio anno,mi piacerebbe che prendesse forma insieme al calendario. E poi un altro progetto propostomi da un’amica conosciuta tra le pagine facebook che coinvolgerebbe creatività e creative, ancora in via di sperimentazione ma anche quello se tutto va bene prederà vita dopo l’estate.

Insomma ad ispirarmi è tutto quello che mi circonda, tutto ciò che è cultura, ma soprattutto tutto ciò che è positività, perché mi piace pensare che l’arte e la creazione sono ottime alleate per far vivere meglio e per fa si che finalmente si possa respirare un aria migliore di quella che in questo periodo c’è nel mondo.

A tutte le creative voglio dire di non mollare mai di credere sempre nelle proprie capacità ma soprattutto di credere nei sogni e di non lasciarli chiusi, ma ogni tanto di aprire quel cassetto e di lasciare che qualcuno prenda il volo, chissà magari è quello giusto!

angolo creativo, Simona Kandido

Grazie Simona per aver visitato il nostro angolo creativo e un grande in bocca al lupo per il tuo futuro.

A chi volesse partecipare e presentarsi, a chi volesse essere intervistato per il nostro angolo creativo ricordo di contattarmi attraverso: alessia@laboitedesetoiles.com

Un bacino,

Ale

 

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!

Buongiorno ragazze!

Scusate la latitanza ma sono un po’ presa a seguire la mia piccolina che e’ in trasferta e soffre un po’ la lontananza.

Oggi vi presento Simona di Peggy Sew, una recente amicizia nata grazie ad un mio Give Away! Simona ha due mani veramente d’oro. Appassionata come me di Tilda sforna a tutto spiano bambole, pochette e borse!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!

Cliccate sul link per accedere alla sua pagina FB mentre qui vi lascio il link del suo shop.

Le domande sono quelle che sto ponendo un po’ ad ognuna di voi creative. Vi ringrazio di cuore per aprire voi stesse e partecipare ad arricchire questo angolo e ricordo che ogni creativa puo’ presentare qui le sue creazioni. Contattatemi 🙂

1/ ti va di parlarci un po’ di te e della tua avventura? Chi e’ Simona? Cosa sta dietro (se e’ possibile saperlo) al tuo lavoro?

Sono Simona, ho 43 anni e vivo a Fiuggi con mio marito e i miei due figli.
Ho tante passioni oltre al cucito, tra cui la musica rock, il cinema e i libri.
Cerco di ricavarmi sempre del tempo per non trascurarne nessuna, poiché quando succede mi sento incompleta e insoddisfatta.

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!
2/ Quando hai cominciato a creare?

Quando ero molto piccola mi piaceva sedermi fuori di casa con la mia prozia e le altre signore del quartiere che lavoravano a maglia, a uncinetto o che ricamavano. A loro piaceva insegnarmi e io avevo già quell’attitudine, e così mi mettevo anch’io, piccola com’ero, con il mio lavoro a punto croce.
Mi è sempre piaciuto creare con le mie mani e negli anni ho fatto decoupage, origami… ma poi ho scoperto (piuttosto tardi) che la mia vera dimensione era il cucito creativo.
La prima cosa che ho cucito è stato un vestito di carnevale per mio figlio, circa tre anni fa. Devo dire che per essere la prima cosa in assoluto venne pure troppo bene ma ero facilitata dal fatto che si trattava di pannolenci 🙂
Dopodiché raramente ho cucito abbigliamento, poiché trovo che ci voglia un’abilità che solo facendo scuole e corsi si può acquisire.
Da quando ho cominciato non ho mai più smesso. Raramente passa un giorno senza che io mi metta a cucire qualcosa.

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!
3/ come e’ nata questa tua passione?

Questa passione è nata con la necessità di abbellire un po’ la mia casa e così ho cominciato con delle tendine e dei cuori imbottiti.
Il primo cuore che ho cucito era inguardabile ma dovevo solo affinare la tecnica (mentre le tendine ancora le ho, perché nonostante tutte le imperfezioni sono proprio come le volevo).
Così ho cominciato prima a guardare tanti video tutorial su youtube, a seguire sempre gli insegnamenti di Emanuela Tonioni che, a dispetto degli stereotipi sulle creative, che ci vedrebbero tutte invidiose e gelose del proprio sapere, condivide tutto quello che può. Ho imparato moltissime cose dai suoi tutorial.
E poi mi sono letteralmente riempita di libri e riviste con progetti di cucito creativo, che non hanno fatto altro che alimentare sempre di più questa passione.

4/ Qual e’ il lavoro a cui sei piu’ legata , che ti ha dato piu’ soddisfazione e che hai amato di piu’?

Ho cucito di tutto e ho provato molte tecniche e di solito sono soddisfatta di quasi tutto quello che creo ma forse le cose che mi hanno dato più soddisfazione sono quelle che ho fatto per la mia casa: i cuscini per il mio divano, per esempio. E poi le trapunte patchwork: ci vuole talmente tanto lavoro che quando sono finite non si può che esserne soddisfatti.

Il vostro angolo creativo: incontriamo Simona di Peggy Sew!
5/ Da cosa trai ispirazione per le tue creazioni?

Dai libri, principalmente, e poi da Pinterest.
Seguo qualche creativa famosa, tipo Tone Finnanger, Amy Sinibaldi… Ma la mia preferita è CountryKitty. Adoro il suo stile, così semplice e delicato.
Mi piace lo stile Kawaii e Zakka, i ricamini e i bottoncini; ma anche il Country Chic e il Country Primitive, lo Shabby Chic.

6/ Quali sono i progetti e i sogni per il tuo futuro?

Non faccio mai progetti a lungo termine, diciamo che a breve vorrei partecipare a qualche mercatino; vorrei sistemare il mio shop di A little market; vorrei che uscisse qualche nuova rivista di cucito creativo carina, a cui mandare dei progetti.
Non ho il sogno che il mio hobby diventi il mio lavoro perché so già che mi rovinerei tutto il piacere. Vorrei continuare a poter creare liberamente tutto quello che mi piace.

7/ Un messaggio che vuoi dare a tutte le creative?

Create sempre quello che vi piace, e non quello che il mercato richiede, perché solo così potrete divertirvi davvero.

Grazie cara Simona per averci dedicato tempo e per averci fatto conoscere la tua creativita’!

A voi un abbraccione!

Ale

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana! Buongiorno Ragazze!

Finalmente riparte la rubbrica del vostro angolo creativo! Attraverso la mia pagina FB ho sempre modo di conoscerepersone nuove e mi piace questo angolo in cui ognuno si presenta e si mette un po’ a nudo.

Oggi incontramo la super Fabiana! Toscana, mamma gestisce la pagina Facebook Le ricette di Mangio con gusto e il sito www.mangiocongusto.it  dove esprime tutta la sua bravura e creativita’ attraverso gustose pietanze. IO rimango sempre a bocca aperta perche’ e’ davvero super brava! Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana!

Ecco la sua presentazione:

Sono una mamma casalinga di quasi 45anni che ha molte passioni.La prima di sicuro è la cucina, in casa mia hanno cucinato sempre gli uomini mio nonno era chef e mi ispiro a lui per i piatti della mia infanzia però mi piace molto cercare sempre nuove ricette, sperimentare e cambiarle secondo i miei gusti.Un giorno mio marito mi ha detto”perchè non mettiamo online quello che cucini?è nato così www.mangiocongusto.it dove mette le mie ricette ma lo amministra lui e poi la pagina facebook  https://www.facebook.com/Lericettedimangiocongusto/?ref=aymt_homepage_panel che gestisco io nei ritagli di tempo.Il mio piatto preferito è di sicuro la pizza, la faccio tutti i sabati anche in estate non posso rinunciarci.

sono appassionata di tutto ciò che si fa con le mani,dal ricamo sia classico che punto croce,al decoupage,al riciclo e anche l’uncinetto che fu la mia prima passione quando da bambina a 8 anni me lo insegnò mia nonna per passare insieme i lunghi pomeriggi in casa e ogni volta che lavoro a filet penso a lei.

i lavori a cui sono più affezionata sono i lenzuolini fatti per la nascita dei miei bimbi e il quadro a punto croce commemorativo del mio matrimonio.

I miei lavori di solito sono solo per i familiari ma capita anche di creare oggetti per i mercatini scolastici dove trovo anche molti spunti per nuove attività da provare perchè non mi fermo mai a una tecnica mi piace provare tutto dal mosaico alla pasta al bicarbonato.

Il tempo purtroppo è poco e quando i bimbi erano piccoli ho proprio smesso di fare  tutto ecco perchè mi sono buttata su cucina e cake design.Non sono in grado di dare consigli io stessa ne ho spesso bisogno posso solo dire che bisogna sempre mettersi in gioco e perseverare, una torta può venire male e il vostro primo orsetto a punto croce non sarà perfetto ma è solo con la pratica che si migliora”

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana! Fabiana ha proprio due mani d’oro!!!

Il vostro angolo creativo: incontriamo Fabiana! Mi scuso con Fabiana perche’ questo post doveva esser fatto mesi fa ma con la preparazione atletica dei nazionali della mia pulce non sono stata molto dietro al sito e a tutto.

Un abbraccio,

Ale

 

 

Il vostro angolo: Silvia.

Il vostro angolo: Silvia.

 Torna il vostro angolo e oggi vorrei presentarvi la super dolce Silvia!

Finally  we continue to post your creation in your corner! Today let me introduce the  super sweet Silvia!

Ci conosciamo da tanto, da quando ho aperto la mia prima pagina Facebook: A casa di Bridget. Giorno dopo giorno ha contribuito a creare il salotto dove quotidianamente chiacchieriamo e ci scambiamo pareri. Una volta siamo riuscite a prendere anche il te virtualmente insieme ad altre ragazze!

I know her since I open my 1st Fb page: A casa di bridget. Day by day she helped me to create our corner where we talk every day! We also took a tea together on web!!!!

Silvia realizza tante cose. Per questo Natale ha creato dei bellissimi bigliettini d’auguri (tra cui uno per me :P)

Silvia create lot of things and for this xmas che created greetings cards. I found them very nice!
 Io li trovo davvero stupendi! 

E poi ha creato anche queste decorazioni da appendere alla porta. 

Then she created this door decorations!

Brava!!!! Complimenti davvero!

Mi piace quando mi inviate le vostre creazioni con la voglia di condividerle!

I really love when you share your creation with me.

 

Se anche tu vuoi condividere le tue creazioni mandami una foto o su Fb o scrivimi: alessia@laboitedesetoiles.com

Un bacio

Ale

 

Il vostro angolo: Antonella.

Il vostro angolo Ciao ragazze! E’ il momento di parlare del vostro angolo e con tanto piacere oggi vi presento Antonella!

Ha veramente due mani d’oro e mi segue con costanza da un bel pò sia su  https://www.facebook.com/A-casa-di-Bridget-376169742492953/ che su  https://it-it.facebook.com/laboitedesetoiles/

Eccovi la sua presentazione:

“Buongiorno a Tutti!

Sono Antonella, ho sempre avuto la passione del fai da te ma da diversi anni a causa del lavoro e impegni vari avevo sospeso. Ora che il lavoro non c’è più mi sono rimessa a creare! Ne sono felice e soddisfatta! Sono piena di progetti che spero pian piano di realizzare!”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ma non solo è anche un’ottima cuoca!!!!

Vi lascio la sua ricetta del pasticcio di zucca che vi assicuro (l’ho cucinato l’altra settimana) è un qualcosa di strepitoso!

Pasticcio di zucca e salsiccia.

ingredienti: zucca, 4 salsicce, 1 cipolla, mozzarella, parmigiano grattugiato, besciamella, lasagne fresche

Taglia la zucca a pezzi grossi e inforna per farla ammorbidire. Trita la cipolla e rosola con un pò di evo. Aggiungi la zucca schiacciata e le salsicce. Cuocere fino ad amalgamare bene tutto.

Prepara la besciamella e tieni da parte un pò per lo strato iniziale e l’ultimo, il resto aggiungilo al composto di zucca. In una pirofila fa uno strato di besciamella, lasagne, il composto, mozzarella a pezzetti e parmigiano e continua fino ad esaurimento. Finisci con besciamella e parmigiano. Cuoci in forno a 180° finche la superficie non è gratinata!

Bravissima e grazie!!!

Un bacio Ale

ps: se volete partecipare al vostyro angolo creativo contattatemi qui o su facebook. Sarò felice di postare le vostre creazioni!

 

Il vostro angolo: Simona e le sue creazioni!

Il vostro angolo 🙂 finalmente c’è e lo inauguriamo oggi!

Ciao ragazze, è un po’ che non scrivo e non faccio updates ma sono stata davvero molto presa e ho festeggiato anche il mio compleanno.

E’ un po’ che mi frulla l’idea di dedicarvi un angolo in cui potete mostrare le vostre idee e le vostre creazioni: culinarie, di stoffa, di lana.. di quello che volete!

il vostro angolo Oggi vi presento Simona! Lei mi segue da un bel po’ sulla mia prima pagina di Facebook: A casa di Bridget.

“Ciao a tutti mi chiamo Simona e sono una mamma a tempo pieno di 28 anni e orogogliosa di esserlo. Circa 4 anni fa (esattamente a ottobre 2012) ho scoperto questa mia passione nel creare addobbi e ogfgetti in pannolenci e feltro. Non lo faccio per guadagnare perchè non vendo. E’ semplicemente un mio hobby per il tempo libero a casa! Ho tanto da migliorare, tanto altro da imparare e spero nel mio piccolo di continuare”

Queste sono le sue creazioni!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le trovo meravigliose!!! Brava Simona!!!!

E voi? cosa create? Se volete condividerlo con noi scrivetemi su alessia@laboitedesetoiles.com oppure visitate le mie pagine Facebook: A casa di Bridget e La boite des etoiles.

A presto

Ale