Clervaux: un piccolo villaggio da sogno.

Clervaux e’ una caramella da scartare e gustarsi con calma.

Clervaux
Foto presa dal web

E’ un piccolo villaggio situato a nord del Lussemburgo a confine con il Belgio.

Ci sono stata un paio di volte (l’ultima lo scorso week end) e pur essendo piccolo quanto casa mia lo adoro.

Non c’e’ moltissimo da visitare. In realta’ a parte il piccolo castello non offre tanto altro. Ma e’ davvero una  bomboniera.

E’ famosa perche’ e’ stata protagonista attviva della seconda Guerra mondiale. E in effetti il piccolo castello mostra con orgoglio un museo con reperti militari risalenti a questa epoca.

Il castello mi fa sognare: cosi piccolo, tutto bianco… ha piu’ l’idea di una enorme casa di campagna. Forse, come spesso se ne trovano qui in Italia, era una residenza estiva poco usata.

Sara’ che ci vado spesso, sara’ che e’ verde ma a me il Lussemburgo piace tantissimo nonostante un tenore di vita piuttosto caro.

Clervaux
Foto presa dal web

Se siete in Lussemburgo e avete tempo fatevi una gita breve. Un paio d’ore sono sufficienti per visitare il castello e il museo (e in pratica avete visto tutto).

Se volete farvi una passeggiata nella quiete tra filari di alberi potete raggiungere a piedi il monastero che potete scorgere poco sopra il paese. E’ piccolo e raccolto e concilia la meditazione e la preghiera.

In centro potete prendervi un caffe’ da Au Chocolat, il bar pasticceria del paese e assaggiare uno dei loro fantastici dolcetti.

Di tipico potete assaggiare I waffeln o i Gromperen che sono delle grandi palle di cioccolato con all’interno morbido marshmellow (insomma una botta de vita). clervaux

Se invece vi fermate a mangiare vi do due opzioni. Se siete patritottici potete pranzare da Lonati ma fatevi sentire che siete italiani. Quando ci sono stata io il cuoco se la cantava a squarciagola convinto che nessuno lo capisse  e il cameriere (che poi ho scoperto essere di Cinisello Balsamo :D) ha cambiato completamente attegiamento.

Non che non siano professionali anzi…. Ma ovviamente a un italiano non possono rifilare cose lussemburghizzate…. Avete quindi la certezza di mangiare esattamente come a casa vostra (hanno anche il vitello tonnato 😀 😀 lo avete mai visto in un menu’??)

Se invece volete provare qualcosa di tipico c’e’ un ristorante ottimo che cucina carne e pesce appena fuori Clervaux: a Lentzweiler.

Si chiama Kentuchy e ne vale la pena. Qui oltre alla  cotoletta o Cordonbleu (che e’ uno dei piatti tradizionali di LUX) potete assaggiare le cozze (che sono in realta’ piu’ tradizione del Belgio ma il confine e’ talmente vicino che anche la cucina locale ne subisce l’influenza) e una magnifica Entrecote. Non mi ricordo se fanno anche la Bouche de La Reine che e’ un’altra specialita’  lussemburghese.

 

Se capitate di pomeriggio a Clervaux e trovate aperto c’e’ un’enoteca vicino all’Hotel International con una selezione di vini locali e esteri ottima!

Per dormire io posso solo parlarvi dell’hotel La Clervaux che e’ meraviglioso (5 stelle) ma non proprio economico. E’ un boutique hotel e ha un ottimo servizio. Ma sono certa che anche nei dintorni potete trovare un buon compromesso tra qualita’ e prezzo.

Questo week end ho fatto una passeggiatina per il centro minuscolo e ne ho approfittato per fare una marea di foto ai miei ultimi coniglietti. Sono moglie e marito che presto andranno ad Hong Kong e spero piaceranno tanto ai destinatari.

Non potevo lasciarmi sfuggire l’occasione di questa location super bella!!! E quindi li ho fotografati un po’ in tutte le salse 😛

Raramente mi capita di avere una suite in un hotel a 5 stelle!! Avevo anche il camino! Si puo’ essere piu’ fortunate?

Sono davvero grata di aver potuto immergermi nella quiete di questo posto e di aver potuto godere di tanti comfort.

Progetti autunnali: tra tentativi e vittorie!

Progetti autunnali pian piano nascono nella mia piccola craft room.

Prendono forma idee, disegni, fili e stoffe.

 progetti autunnali L’ultimo nato e’ questo uccellino che ancora e’ un mezzo fallimento. Se mi piace tanto sulla carta come l’ho disegnato non riesco ancora ad esprimerlo adeguatamente con la stoffa.

Ma gia’ l’idea c’e’ e so che con un poco di pazienza le cose prenderanno forma nel modo giusto.

Uscendo dalla mia craft room ieri sera ho avuto l’imprensione che una deflagrazione abbia portato caos e scompiglio in quel piccolo buchino.

“Sto ancora lavrando, per questo non sistemo” mi dico e dico a Fabry quando brontola. Stoffe qui e la’, fili ovunque, imbottitura come se nevicasse.. come lo definirebbe mio padre: un campo di battaglia.

 progetti autunnali Talvolta e’ come se tutto rimanesse sospeso nell’aria. Avete mai quell’impressione? Come se i progetti cui sto pensando e le idee galleggiassero intorno a me.

Ogni tanto ammetto vanno in blocco ma per fortuna non sono una che getta la spugna facilmente.

Ho fatto una lista dei progetti autunnali a cui vorrei lavorare.

E sto approfittando della tregua di inizio stagione pongistica/scolastica per lavorare piu’ che posso attorno alle mie idee.

Avere 3 ore in piu’ da dedicare ogni giorno non e’ male.

In piu’ sto tentando di creare dei tutorial stampabili ma non tutti saranno condivisi free.

Dopo la disavventura delle galline (di cui alla fine ho rimosso il tutorial) ho deciso che non tutti i progetti saranno free.

progetti autunnali  Di consseguenza anche il mio canale al momento rimarra’ con i tutorial che sono stati condivisi e non sara’ piu’ aggiornato.

Al momento sara’ ancora visibile. Magari poi cambio idea. Chi lo sa.

Sapete che con me tutto e’ sempre in discussione e nulla e’ definitivo.

Tornando ai miei progetti autunnali sono felice dei risultati che sto ottenendo con la macchina da cucire.

E con i ferri.

Sto lavorando ad un micetto per tenere compagnia ai miei coniglietti di maglia.

progetti autunnali Chi mi segue su Facebook lo ha gia’ visto 🙂

Ho ancora molto su cui lavorare ma l’abbozzo al musetto c’e’.

Non trovate?

  progetti autunnali Infine ho creato le mele. C’e’ chi ci vede delle fragolone in effetti dalla foto puo’ sembrare ma assicuro sono mele.

Le ho disposte in un bel cesto e poi in un’alzatina… ma devo fare le pere 🙂

E poi ho creato le zucche e presto anche qui arrivera’ un tutorial (e uno sara’ gratuito).

Ho ancora un paio di progetti da fare e poi mi concentrero’ sul Natale. Non vedo l’ora 🙂

Di questi progetti vi parlero’ presto, promesso. E vi faro’ poi vedere come sara’ decorata casa in occasione dell’autunno <3

E tutti questi progetti andranno a fare parte dell’emporio che trovate in alto nel menu’. Altro non e’ che la raccolta di cio’ che creo perche’ spesso mi chiedete di vedere cio’ che faccio.

Vi mando un abbraccio, ai prossimi progetti autunnali

Ale

 

Zucche, zuccotte e zucchette: decorando casa.

Zucche, zucchette e zuccotte in ogni forma, colore e dimensione possibile!

Ho pensato a questo quando ieri sera mi sono seduta al mio piccolo tavolo e ho preso in mano la stoffa bianca.

 zucche, pumpkins, decorazione casa, zucche di stoffa, zucca, country, decorazione country, decorazione autunno, fall decoration, autumn, autunno, home deco, home decoration Non avevo un’idea bel precisa ammetto.

L’unica zucca fatta l’anno scorso faceva un po’ tristezza… e ho pensato che invece quest’anno vorrei proprio colorare casa nei tipici toni autunnali.

Le zucche sono perfette per questo scopo.

 zucche, pumpkins, decorazione casa, zucche di stoffa, zucca, country, decorazione country, decorazione autunno, fall decoration, autumn, autunno, home deco, home decoration Ho pensato di partire dal mio famoso punta spilli per dare la forma della zucca. Il video lo trovate in fondo a questo POST.

La prima che ho realizzato (quella bianca) non e’ proprio riuscitissima. Ho tentato di darle un tono romantico e di spezzare la monotonia del bianco usando dei piccoli cerchi in pizzo. E ammetto non mi entusiasma.

Con la seconda ho iniziato a dare un po’ la forma giusta ma ancora non mi soddisfa appieno.

 zucche, pumpkins, decorazione casa, zucche di stoffa, zucca, country, decorazione country, decorazione autunno, fall decoration, autumn, autunno, home deco, home decoration Ho filmato mentre realizzavo le zucche ma non so ancora se postero’ il video sul mio canale Youtube.

Sto ancora decidendo se tenerlo oppure chiuderlo definitivamente.

In realta’ non sono soddisfatta al 100% delle mie zucchette… le vorrei piu’ paffutelle, piu’ a coste… insomma piu’ zucche!

 zucche, pumpkins, decorazione casa, zucche di stoffa, zucca, country, decorazione country, decorazione autunno, fall decoration, autumn, autunno, home deco, home decoration Ho anche fatto una prova creando una mini zucca perche’ mentre le realizzavo mi e’ venuta un’altra idea 😀

Quest’anno sono proprio determinata a creare tante belle cose per casa!

Comunque non temete. Se non faro’ il video realizzero’ comunque il tutorial e sara’ come sempre disponibile gratuitamente per chi e’ iscritto alla newsletter.

Non vedo l’ora che sia stasera per crearne delle altre!

Ho infatti trovato un bel vassoio e ho intenzione di usarle come centro tavola.

 zucche, pumpkins, decorazione casa, zucche di stoffa, zucca, country, decorazione country, decorazione autunno, fall decoration, autumn, autunno, home deco, home decoration Intanto un cestino l’ho preparato 😛

Che ne dite?

Vi auguro un sereno martedi e grazie come sempre di avermi dedicato 5 minuti!

Un abbraccio gigante,

Ale!

 

Agenda Midori: video tutorial per realizzarla insieme.

Agenda Midori: semplice da realizzare e pratica perché la creiamo su misura per noi.

agenda Che cos’è l’agenda Midori?

Alcuni la conoscono come traveller’s notebook.

Altro non è che una serie di quaderni tenuti insieme da elastici e racchiusi in una copertina solitamente di pelle.

Oramai ne esistono varie versioni.

Chi le realizza in crepla, chi con il pannolenci, chi in stoffa… la caratteristica principale di questo planner è proprio la facilità di realizzazione e la sua versatilità.

—> QUI <— trovate il link al video tutorial girato mentre realizzavo la Midori di Paola.

Mi sono divertita un sacco a realizzarla con quelle stoffe super gattose e sono felice che alla mia amica sia piaciuta.

Ma vi avevo già parlato della Midori quando la realizzai per una ragazza. Trovate l’articolo QUI.

agenda Per realizzarla vi occorrerà:

  • 1 pezzo di stoffa per l’esterno 29×24 cm
  • 1 pezzo di stoffa per l’interno 29x24cm
  • imbottitura piatta 29x24cm
  • interfodera 29×24
  • elastico
  • charm
  • 5 rivetti
  • rivettatrice

Non serve molta praticità in quanto è un progetto davvero semplicissimo.

I quaderni sono semplici da assemblare, io stessa me ne sono fatta qualcuno.

Spero che il progetto vi piaccia!!

Un bacione

Ale

Ghirlanda Shabby: video tutorial.

Ghirlanda Shabby: ecco finalmente il video tutorial!

ghirlanda shabby Finalmente ho finito di montare questo video! Erano settimane che ero in ballo!

Come sempre quando giro ho ore e ore che poi si riducono in una manciata di secondi. E nonostante il mio impegno e provi a fare del mio meglio vi confesso che non ne sono soddisfatta.

Ma bisogna prenderla per ciò che è: un divertimento 🙂

Avendo saltato i tutorial la settimana scorsa tento di recuperare in questa. Per questo motivo oggi non ci sarà la solita rubrica del lunedì.

Realizziamo insieme oggi una ghirlanda shabby!

ghirlanda shabbyPer farla occorrono:

  • 3 pezzi di stoffa lunghi 1 mt e alti 10 cm
  • imbottitura
  • ago e filo in tinta
  • perle piccole
  • stoffe di varie misure, fantasie per le rose
  • iuta
  • colla a caldo
  • spago

—> QUI <— vi lascio il link al video sul mio canale!

ghirlanda shabbyLa ghirlanda shabby illumina l’entrata, da un senso di accoglienza con i suoi toni delicati.

Io trovo sia il perfetto decoro per l’entrata di casa. Non trovate?

In fin dei conti l’entrata di casa è il nostro biglietto da visita. Pensateci.

E’ la prima cosa che i nostri ospiti vedono. Quindi, come gli albergatori nella hall dell’albergo, poniamo attenzione particolare a questa zona della casa.

Mi è piaciuto tanto creare questa ghirlanda. La amo alla follia.

Le perle danno quel tocco elegante, quella luce particolare, quel tono romantico per dare valore alla nostra ghirlanda shabby.

Vi lascio QUI il link per vedere il tutorial della ghirlanda di perle. Un’altra idea shabby per illuminare la casa.

A volte basta poco per valorizzare ciò che abbiamo.

Spero che qs progetto vi sia piaciuto quanto a me è piaciuto realizzarlo.

Ok ok ammetto che rivoltare i tubi un po’ mi è pesato 😀

Un abbraccio

Ale

Campanella Country per il buon uomore.

Campanella country dai toni rustici e grezzi per portare una ventata di buon umore. Perche’ e’ questo che fa il port bonheur.

 Questo video e’ stato molto complicato da girare. MI e’ successo di tutto e quando finalmente ieri sera ho visto la luce… mi sono resa conto che la parte finale, quella dell’assemblaggio non c’era.

Ho tentato di spiegarlo a voce e spero di esser stata chiara…

 La parte piu’ complicata di questa campanella country e’ la base.

Ovvero la campana.

In realta’ non e’ difficile ma richiede un minimo di attenzione nell’assemblare e cucire insieme la parte esterna e quella interna.

La parte decorativa della campanella country e’ a discrezione vostra.

Se le roselline non siete capaci di realizzarle a mano potete usare il Rose Flower Maker di Clover Italia.

Il risultato e’ pressoche’ identico e da grandi soddisfazioni!

http://delvecchiagroup.it/settore-domestico/clover/ Questi Yo Yo sono davvero carini 🙂

Sono diversi e permettono di realizzare tante cose. Io ho usato quello a farfalla per la mia ghirlanda —> QUI trovi l’articolo che avevo scritto 🙂

Per questa campanella country vi consiglio un tessuto sostenuto come il lino.

Cui dovrete aggiungere l’imbottitura piatta per avere maggiore sostegno e ottenere la svasatura.

L’impuntura finale dara’ un piccolo tocco di stile 🙂

 campanella country Se volete provare a realizzarla trovate il video sul mio canale Youtube nella sezione Tutorial cucito.

Vi lascio il link QUI

Per la parte finale dovrete solo agganciare i cuori al nodo interno di pizzo e il gioco e’ fatto.

Sembra complicata da realizzare ma serve solo un pochino di dimistichezza con la macchina da cucire.

Piccolo consiglio: se avete paura che la stoffa si sposti e pensate di non gestire il “sandwich” provate a imbastire oppure utilizzate le spille ricurve per il patchwork 🙂

Spero che questo progettino floreale vi sia piaciuto come ha divertito me realizzarlo.

Vi mando un abbraccio gigante,

Ale

 

 

Ghirlanda shabby per la porta di casa.

Ghirlanda shabby per illuminare la porta di casa.

Chi mi conosce sa che io le adoro e non trovo giusto che uno debba appenderle solo a Natale. Non vi pare?

Cosi in un pomeriggio di pioggia mi sono messa all’opera.

Ghirlanda shabby Avevo della stoffa a quadrettoni che mi era avanzata da un precedente lavoretto (QUESTO per esser precisi).

Cosi mi sono detta: perche’ non utilizzarlo per creare la mia ghirlanda shabby? 

Ci vuole molta pazienza per creare la treccia e bloccarla in tondo ma alla fine ce l’ho fatta.

E gia’ cosi mi piaceva tantissimo!

 ghirlanda shabby Ho pensato di decorarla con stoffe diverse per movimentarla. Sia come materiali che come colori. Ho usato la iuta, il lino, il cotone americano… e ho provato ad utilizzare uno degli attrezzini di Clover Italia per realizzare la farfallina.

mmetto che ci ho perso un pomeriggio… ma si sa che le prime prove non escono mai 😛

 ghirlanda shabby Ma per fortuna sono testona e prova che ti riprova la farfalla e’ venuta splendida! L’ho appoggiata sopra alla cascata di fiori che ho eseguito a mano.

Ed eccola 🙂

sono davvero tanto soddifatta!!!!

 ghirlanda shabby Talvolta basta davvero poco e possiamo dare vita nuova o rinnovare un oggetto.

Sono davvero felice per la mia ghirlanda shabby! Mi piace tantissimo!

 ghirlanda shabby Che ne dite, vi piace?

Realizzarla e’ molto semplice!

Appena ho tempo monto il video tutorial 🙂

Intanto ho in mente un po’ di idee e ora che ho il trespolo nuovo posso tornare a fare i tutorial di cucito e maglia 🙂 non vedo l’ora!

Spero piaccia anche a voi come e’ piaciuta a me.

Un bacione,

Ale

 

 

Applique Free Motion: realizziamo un asciughino.

Applique Free Motion: utilizziamo questa tecnica per realizzare una decorazione su un asciugamano da cucina!

applique free motion In cosa consiste la tecnica Free Motion per le applicazioni? In pratica consiste nel disegnare a mano libera con la macchina da cucire. E’ molto più semplice farla che a dirla!

Spero di essermi spiegata bene nel video di cui vi lascio il link:

CLICCA QUI PER IL VIDEO.

Come sempre ricordatevi che sono un’autodidatta per cui se non son tecnica perdonatemi. Il mio vuole essere un aiuto a chi vuole approcciare la macchina da cucire senza pretese.

applique free motion Come realizzare l’applique Free Motion?

Vi occorre un piedino speciale da trapunto aperto che serve appunto per trapuntare a mano libera.

Abbassate poi il trasporto della macchina con l’apposita levetta.

Infine PRIMA di tagliare l’applique provvedete ad incollare tramite stiratura la fliselina (Vliesovix) alla stoffa mantenendo la carta protettiva (che serve appunto a non farvi incollare il ferro al vostro lavoro 😛 ).

Una volta applicata la vostra decorazione ribattetela più volte (in genere io ripasso 3 volte). Et voilà il vostro lavoro è finito!

 

Spero che questo progetto vi sia piaciuto e se mi lasciate un like al video e al canale vi ringrazio :*

Un abbraccio,

Ale

 

Neve, neve e neve… e io creo!

Neve come se fosse Natale. Imbianca i tetti e ghiaccia le strade milanesi in questo venerdi molto tranquillo.

neve La settimana e’ stata abbastanza intensa tra piccoli e grandi problemi familiari, piccoli lavori da terminare e il salottino (il gruppo che ho creato con la mia Simona) da gestire.

E mentre la neve scende ho buttato giu’ una lista di cose da fare.

Di idee ne ho talmente tante che mi si aggrovigliano in testa e si accavallano. Senza dimenticare il fatto cheil 17 marzo saro’ ad Abilmente Vicenza al primo raduno nazionale dell‘angolo creativo.

Vi lascio la locandina con il programma neve e inutile dirvi che sono emozionatissima perche’ anche quest’anno le ragazze dell’angolo mi hanno scelta per vivere ed essere parte di questa giornata fantastica.

Intanto sono riuscita a finire e spedire la tilda giardiniera e suo marito il contadino (Lori e Michele).

Mi sono messa a giocare con i Kanzashi, degli attrezzini che servono a fare i fiori.

Giocando  Patrizia ha voluto che sulla sua coniglietta ne spuntasse uno.

neve  Cosi e’ nata la sua Ale, che ha voluto chiamare come me.

Io la trovo molto vezzosa.

E sono felice di constatare che vi e’ piaciuta tantissimo.

Tanto che ieri mi e’ quasi andato in tilt il profilo facebook.

Grazie di cuore.

La gallina Rosita l’avete vista gia’ nella mia pagina.

E presto vi parlero’ anche di lei in quanto ho intenzione di fare un video tutorial. Naturalmente per il cartamodello vi ricordo che dovete iscrivervi al sito 🙂

La neve e’ tornata a scendere e io non vedo l’ora di uscire per portare a termine qualche test da fare con i Kanzashi.

Stay tuned, tanti tutorial sono in arrivo per celebrare qs primavera che nicchia e si nasconde e la Pasqua.

Vi voglio bene,

Ale

Video collaborazione con Un po’ questo e quello!

Video collaborazione con la dolcissima Vincenza del canale Un po’ questo e quello!

Seguo il suo canale da un po’ e amo la semplicita’ con cui spiega e ci propone le idee e cosi le ho proposto una piccola collaborazione ispirandoci alla primavera!

video collaborazioneSe clikkate sul link trovate il mio video sul canale di La boite des etoiles.

—>Fiori di primavera<—

E qui vi lascio il link del bellissimo video di Vincenza:

Primavera in fommy

dove ha realizzato degli splendidi orecchini in fommy 🙂

SOno stata tanto contenta di questa collaborazione nonostante le sfighe varie successe ( mi si e’ brasato il Mac).

Spero che qs collaborazione vi piaccia come e’ piaciuta a noi 🙂

Fare questa video collaborazione mi ha davvero entusiasmata!

video collaborazione Ho provato ad usare la Big shot della Sizzix per creare questi orecchini 🙂

Spero vi piacciano.

IO mi sono tanto divertita a provare ad usare il mio regalo di Natale!

A presto,

Ale