Passeggiando per il parco e merenda alla konditorei.

Passeggiando per il parco e merenda alla Konditorei.

Passeggiando Oggi fuori il tempo non era il massimo. Pesanti nuvoloni grigi hanno portato pioggia e freddo. Per fortuna che abbiamo trovato 3 felpe a buon mercato per poterci riscaldare.

Dopo aver passato la mattina pigramente a letto e aver pranzato in casa con calma siamo usciti a fare un giretto grazie anche ad un piccolo raggio di sole.

Il bello di questo posto  è che non c’è molto da fare se non rilassarsi. E io mi sto davvero rigenerando.

Probabilmente la stanchezza accumulata in quest’anno era molta perché tutti e tre continuiamo a dormire come ghiri. Elettra compresa. Lei che è sempre vivacissima e dorme pochissimo.

Passeggiando Dormire, rilassarsi, lasciare andare via la stanchezza era nelle nostre priorità. Pur essendo arrivati qui tardi siamo felici di aver ritrovato gli amici, i luoghi e i profumi dei posti che tanto amiamo.

Oggi Ele mi ha chiesto di andare al parco come quando era piccola. E mentre si divertiva a rovistare nella sabbia come quando aveva 4 anni io ne ho approfittato per fotografare la mia borsa.

Ammetto, con un po’ di orgoglio, che davvero è comoda e ben fatta. Ok non è per lodarmi o vantarmi. Ma quando l’ho cucita l’ho proprio pensata come una borsa portatutto. Dagli asciugamani per la piscina alla spesa.

Ma soprattutto l’ho pensata per contenere i miei lavori. Così posso portarla con me e mentre aspetto Elettra che finisce di giocare o di allenarsi posso sferruzzare o cucire.

Passeggiando Passeggiando Passeggiando

Passeggiando Passeggiando

Mi è sembrato di essere tornata indietro nel tempo quando lei era piccolina e passavamo le giornate al parchetto tra gridolini vari e gelati.

Se avessi scoperto allora la passione per il craft… all’epoca avevo davvero tantissimo tempo a disposizione. Ma ammetto che mi sono goduta la mia patatina fino a che non è stata grande abbastanza per la materna.

Passeggiando per le strade di Radkersburg ho preso tanta ispirazione per quando sarò a casa.

Idee romantiche e un po’ rustiche. Vorrei portarmi un po’ di Austria a casa in modo da affrontare l’inverno e lo stress in maniera diversa.

Passeggiando Passeggiando Passeggiando Amo la semplicità delle case, il modo che hanno di valorizzare ambienti antichi, di riutilizzare cose vecchie appartenute magari alla loro famiglia.

Abbiamo terminato il nostro pomeriggio di giochi e passeggio con una bella merenda alla Konditorei (pasticceria) del paese.

Un gelato enorme lei e io un bel linzerkipferl (o biscottone come lo chiamo io) con una bella cioccolata calda. Fabry invece ha voluto una fetta di torta cioccolatosa.

 Per una volta mi sono rilassata e ho continuato il mio scialle. Un sorso di cioccolata, una sferruzzate, due chiacchiere in allegria.

E ce l’ho fatta! Finalmente ho finito lo scialle!!!

Passeggiando Passeggiando

Sono così orgogliosa di averlo portato a termine! Non finiva mai.

Non so quante volte ho perso punti, perso i marcatori, perso il conto.. eppure eccolo!

Le foto non rendono molto.. ma lo amo alla follia.

Ho usato la lana Noro di cui vi ho parlato in questo post. E’ un misto di lana, mohair e seta.

Il risultato è caldo e strepitoso.

Ora non mi resta che bloccarlo e stirarlo. Autunno non ti temo.

Buona notte,

Ale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *