Inseguendo Jane Austen e sfighe varie.

Inseguendo Jane Austen con quel suo alone di romanticita’ e quel suo essere puramente inglese! So che molti non amano questo stile ma a me fa impazzire!

Era da tempo che volevo cimentarmi nella Tilda ispirata a Jane Austen. Di solito riduco il cartamodello perche’ sono troppo grandi. QUesta volta invece ho voluto farla cosi come era.

Inseguendo Jane Austen

Se con la bambola non ho problemi perche’ oramai la faccio a occhi chiusi, il vestito mi ha fatto dannare parecchio.

Ho voluto usare un tessuto leggero e impalpabile di mussolina ma ahime’ mi sgusciava via da tutte le parti con il risultato che mi non riuscivo a tenere insieme la manica al corpetto.

E qui, in momenti come questo che mi rendo conto quanto pesa l’inesperienza.

Ho cambiato stoffa e ho scelto un cotone rigatino. Di gran lunga il tessuto che preferisco in assoluto.

Inseguendo Jane Austen

Questa volta e’ stato piu’ semplice. Ha qualche difetto ma va bene lo stesso 😛

Come e’ stata la vostra settimana?

La mia e’ partita con una corsa al pronto soccorso per mio suocero, mia figlia che e’ in piena crisi adolescenziale (sono grassa, sono brutta, sono scarsa…) e la visita medica passata per meta’.

In tutto cio’ ho ufficialmente iniziato la dieta!

Si si per davvero!

La dottoressa mi ha fatto una cazziata tale che mi sono sentita una merdina ecco. A parte la sua considerazione sul fatto che devo morire presto… ma insomma tieh!

Inseguendo Jane Austen

Lei forse e’ stata esagerata ma e’ comunque giusto fermarsi e valutare la situazione. Volersi bene e prendersi cura di se.

Cosi ho messo a dieta tutta la family. Fabry, come me, ha messo su peso. Ele invece deve mangiare un po’ meglio.

E ci siamo messi con lo spirito giusto tutti e tre e per fortuna non ci sta pesando al livello di fame o che…

L’unica cosa e’ che io ho passato il tempo a lavare verdure e cucinare con la conseguenza che ho portato a termine alcuni lavori che mi hanno richiesto ma non sono riuscita ancora a finire di editare il video sulla pochette e ad andare avanti con il nostro pannello.

Vi metto il link qui se volete leggere il post per il pannello.

Quindi perdonatemi se sono ancora una volta in ritardo. Devo organizzarmi bene con le varie cose!

Il nonno per fortuna non era grave ed e’ risolvibile, la dieta procede e insomma speriamo bene il resto 🙂

Intanto piu’ che inseguendo Jane Austen sto inseguendo il week end 😀

Oggi si sferruzza a Brescia mentre Ele si allena e domani devo suddividermi bene le mansioni perche’ ho davvero tantissime cose da fare… prima tra tutte il declutter!!!!

Buona giornata belle mie,

A presto

Ale

Il cuore di febbraio per il Sal.

il cuore di febbraio per il sal dei cuori e’ un angiolotto che tiene in mano un cuore. Febbraio e’ il mese del Carnevale, delle chiacchiere, dell’amore.

Io ho voluto che il cuore trasmettesse dolcezza attraverso un cupido cicciotto e buffo.

il cuore

Mi piace partecipare a questo sal. Mi permette di conoscere persone nuove, di vedere creazioni bellissime e tecniche diverse.

Per questo ne ho creato uno all’interno del mio gruppo: Il Salotto.

il cuore

Per questo mio sal protagoniste sono le stelle perche’ sono parte del mio nome (qui sul web) e mi rappresentano. Rappresentano i miei sogni, le mie aspirazioni e i miei progetti.

E siccome l’idea di lavorare tutte insieme mi piace tantissmo ho voluto crearne uno anche io. Non Voglio passare per quella che copia. L’idea mi piace tantissimo e l’esperienza dell’anno scorso fatta nel blog di Stefania mi ha lasciato un segno positivo che ho voluto portare nel mio piccolo gruppo.

Anche qui vorrei rappresentare mese per mese. Nel sal di Stefania ho deciso di utilizzare la tecnica delle applique’ qui usero’ invece i colori e le stoffe. Piu’ per una questione di spazi che altro.

Ecco dunque la stella di gennaio con un pois grigio che rappresenta la neve e la stella di febbraio con una stoffa di seta che io ho comprato a HONG KONG l’anno scorso. Rappresenta il capodanno cinese, la rinascita ma anche i colori.

Ho pensato di creare i pattern da scaricare gratuitamente per i cuori con le applique’ cosi se vi piacciono potete realizzarli anche voi.

Il cuore non e’ difficile.

E’ una forma semplice e facile da realizzare. E anche le applique’ non richiedono un lavoro complicato 🙂

Vi mando un abbraccio ora,

buon San Valentino a tutti… ma ricordatevi di amare 365 giorni l’anno non solo oggi 🙂

Ale

Pannello in stoffa di Tilda e applique’ rovesciata.

Pannello in stoffa di Tilda con delle dolci casette creato dalla super Tone Finnanger.

Pannello in stoffa di Tilda

Spesso mi chiedete come si fanno a fare applicazioni o tecniche. Premetto che io sono un’autodidatta e quindi la mia esecuzione puo’ non centrare niente con quella che e’ la tecnica quindi non me ne voglia chi e’ piu’ esperto. Non voglio sostituirmi a loro ma vorrei solo dimostrarvi quanto, con un po’ di buona volonta’, si possa comunque realizzare una cosa anche senza avere una tecnica perfetta.

Ho deciso di realizzare con voi questo pannello in stoffa di Tilda tratto dal libro “Cucito creativo per la casa”. Ovviamente non posso mettere a disposizione il pattern (o cartamodello) ma posso darvi qualche dritta e mostrarvi come lo realizzo io.

Per il cartamodello potete facilmente reperire il libro on line.

Pannello in stoffa di Tilda

Il primo consiglio che vi do e’ quello di leggere attentamente le istruzioni fornite dall’autrice. Questo perche’ spesso i margini di cucitura sono da aggiungere oppure vi viene fornita una spiegazione su come affrontare il blocco da cucire.

Leggete e prendete nota dei materiali che servono. Io non seguo mai la tabella dei colori perche’ prima di acquistare tessuti nuovi voglio finire cio’ che ho in casa. In questo caso piu’ o meno ho seguito i colori che propone Tone anche se ho utilizzato stoffe di marca diversa.

Il Pannello in stoffa di Tilda e’ costituito da rettangoli che poi verranno cuciti tra loro per creare il top. Quindi dopo che avrete scelto le stoffe lo step successivo e’ quello di ritagliare i rettangoli nelle misure che vi fornisce il libro.

Questo pannello e’ realizzato ripetendo gli stessi 9 rettangoli due volte.

Il terzo consiglio che vi do e’ quello di stirare molto bene le stoffe prima di andare a lavorarle. Questo vi permette di ottenere un lavoro perfetto. Stirate, stirate e ristirate. Soprattutto con le applique’.

Questo progetto ha 3 difficolta’ da affrontare:

1- le applique’ realizzate rovesciandole

2- il ricamo

3- l’assemblaggio finale e la trapuntatura.

Ma non temete affrontiamo passo dopo passo insieme le varie difficolta’ di questo progetto.

Come realizzare l’applique’ rovesciata.

In realta’ non e’ un lavoro difficile. Si tratta semplicemente di cucire e risvoltare il vostro lavoro. Ma andiamo nel dettaglio:

Pannello in stoffa di Tilda

Mettete la stoffa dritto contro dritto e sul rovescio riportate il vostro cartamodello.

Andate sotto macchina e cucite completamente il disegno. Non dovete lasciare alcuna apertura.

Ora vi serve questo attrezzino per poter tagliare la stoffa e risvoltare. Se non lo avete non preoccupatevi. Usate tranquillamente le forbici.

ATTENZIONE dovete tagliare solo la stoffa sopra. Quella sotto dovra’ rimanere integra (in quanto costituira’ la parte visibile del ns lavoro)

A questo punto risvoltate e tendete bene le cuciture interne. Stirate per appiattire il nostro lavoro.

Infine posizionate i pezzi creati sulla stoffa e cucite a sottopunto per applicarli. Qui dovete cucire a mano perche’ a macchina si vedrebbe.

Una volta applicato procedete a completare il progetto secondo istruzioni. In questo caso un semplice ricamo a punto scritto per creare l’arbusto.

Io lavoro insieme i due rettangoli uguali. Alla fine applico un post it con il nr per ricordarmi la posizione del rettangolo.

Et voila’ I primi passi li abbiamo mossi!

Spero vi sia utile!

Prossimamente la seconda parte del progetto 🙂

Baci,

Ale

Weekend bellissimo a Milano.

Weekend bellissimo questo passato pieno di sole e armonia. Intanto ho finalmente abbracciato Domenica che era qui a Milano per stare un po’ con la sua dolcissima figlia Stefania.

 Weekend bellissimo

Era tanto che ne parlavamo e finalmente abbiamo avuto l’occasione! Domenica ha un’energia bellissima, due occhi vividi e attenti ed e’ di una dolcezza unica.

Ci siamo trovate in via Dante, qui nella mia Milano e sono stata orgogliosa e felice di raccontare un po’ di questa citta’ frenetica, poliedrica e indaffarata.

 Weekend bellissimo
Palazzo della Ragione

La giornata era bellissima: calda e soleggiata. Proprio a voler rendere perfetto questo tanto atteso incontro.

Ne ho approfittato anche per fare qualche scatto fotografico. Perche’ io amo Milano nonostante molti siano convinti che abbia poco da offrire oltre al castello Sforzesco e il Duomo.

Se volete passare un weekend bellissimo provate a scegliere Milano che con i suoi colori e i suoi mille sorrisi oltre ai piccioni ha tantissime cose da vedere!

 Weekend bellissimo
Ballerini in via Dante

Ma torniamo a Dome e alla sua bellissima figlia 🙂 Abbiamo camminato e parlato tantissimo! Fabrizio ha pensato bene di defilarsi per non forse fare la figura del reggi moccolo 🙂

Loro sono semplicemente meravigliose. Alcune cose Stefania le ha studiate all’Accademia (quella delle Belle Arti a Brera, nda), alcune le ha scoperte vivendo qui.

E’ stato divertente quando le ho portate a vedere il nostro Sciur Carera, la statua romana incastonata tra i negozi, che manco io riuscivo quasi a trovare piu’ 😀

Fortuna che Stefania ha la vista buona e lo ha trovato prima di me (che figuraccia hahahaah).

Un po’ di disappunto invece con il Duomo tra file assurde e biglietti a pagamento. Ma questo e’ l’evolversi del turismo.

 Weekend bellissimo
Il Duomo visto da via Dante.

Alla fine ci siamo concesse una passeggiata per via Dante e tra chiacchiere e risate siamo arrivate a Cairoli dove ci siamo fermate a fare un aperitivo.

Il pomeriggio e’ volato e in un batter d’occhio siamo arrivate a sera.

Ci siamo dovuto lasciare perche’ avevo da recuperare Miss Ele. Ma ci siamo lasciate con l’augurio di ritrovarci ancora 🙂

 Weekend bellissimo
Stefania e Domenica

Dome e’ stata carina e mi ha portato le paste di pasta di mandorla e le orecchiette. Stasera penseremo a lei a cena 🙂

Invece io le ho realizzato una spilla in stoffa a forma di rosa.

E spero le sia piaciuta 🙂

E’ stato bellissimo incontrarle e mi e’ spiaciuto che il tempo sia volato velocissimo! Proprio vero che quando si sta bene non ci si accorgere del trascorrere del tempo.

Domenica invece mi sono dedicata a MIss Ele che aveva campionato.

Dopo quello che e’ successo all’ultimo nazionale dove e’ stata abbandonata dal suo allenatore e altre faccende e’ un po’ giu’ di morale.

Invece ieri sono stata felice di esserle vicina. di vederla combattere. Anche se ancora ha qualche indecisione.

Crescere non e’ semplice. E il fatto di vivere in un paese dove la meritocrazia non e’ tenuta conto mette alla dura prova un ragazzo che si sta formando.

Ci lamentiamo che i giovani sono molli e poco impegnati e quando invece ci sono quelli che seriamente si dedicano alla loro passione anziche’ incentivarli e motivarli si ha l’effetto contrario. Poi ci stupiamo perche’ a livello internazionale (a parte la ricerca) non abbiamo risultati…

Comunque… va bene cosi. Ele deve crescere e concentrarsi nello studio e portare avanti serenamente la sua passione 🙂

Vi mando un bacio,

Ale

Benvenuti nel mio mondo!

Ciao sono Ale e vi do il benvenuto nel mio piccolo laboratorio creativo.

Ho 42 anni e vivo alle porte di Milano con la mia piccola famiglia.

Sono un’autodidatta entusiasta e mi piace sperimentare tecniche, creare e progettare le piccole creature che popolano i miei sogni.

Tento di mettere la mia passione e il mio cuore dentro ad ogni creazione.

Amo la vita, ridere, creare e cucinare. Non so stare ferma senza fare nulla.

Non creo per tutti ma solo per coloro che riescono a capire la magia che mi sta in testa (o forse la mia pazzia :P)

Benvenuti nel mio laboratorio. E’ piccolo e incasinato ma dentro c’e’ tutta me stessa, i miei sogni, i miei progetti e le mie passioni.

Puoi trovarmi su Facebook, Instagram e Youtube!

Se ti va facic un salto… puoi trovarci qualche piccolo tutorial e le mie ultime novita’!

Settimane intense tra emozioni e progetti.

Settimane intense di impegni, emozioni, ansia e abbracci.

Vivere con un’adolescente e’ una delle cose piu’ complicate al mondo 😀

Un giorno sei su a mille e il giorno dopo sei giu’ negli inferi. E tu mamma la devi sostenere e guidare. Avere il polso fermo e talvolta lottare con una persona che sta a sospesa a meta’ tra la fanciulezza e il mondo adulto.

settimane intense

Sara’ forse che mia madre se ne e’ andata proprio in questo periodo delicato e quindi non mi e’ stata per nulla vicino (tra malattia e dipartita) o sara’ che forse erano altri tempi… sta di fatto che io mi sto impegnando per farla maturare. Per farle terminare quei momenti infantili di capricci che ora non servono piu’.

Sono settimane intense di lavoro.

Non solo interiore nostro come madre e figlia ma anche di lavoro vero e proprio. Questo week end ho cucito tantissimo e ho tante tante cose da mostrarvi.

settimane intense

Ho finalmente realizzato il coniglietto per Gloria, la bimba di un’amica virtuale. Glielo spediro’ sabato. Mi piace talmente tanto che ho deciso di realizzarne una anche per me, da lasciare in craft room.

E sara’ forse scontato o che ne so… una frase fatta… ma mia figlia per me e’ come questa coniglietta.

Non e’ semplice eppure e’ semplice. Devi girare la stoffa sotto al piedino per stondare gli angoli e fare linee curve. Lo stesso E’ Elettra. Bisogna creare linee curve per permettere loro di crescere nonostante a volte l’ago della vita si inceppa e aggroviglia il filo o non siamo veloci e preparati abbastanza nel girare la stoffa.

settimane intense

Forse vi sembra filosofia spicciola.. ma mi rendo conto che ogni tanto bisogna vestire panni diversi, adattarsi, crescere con loro.

Almeno per me e’ cosi, che vivo con un’adolescente empatica fino all’esaurimento.

Tornando invece al cucito mi son innamorata di questo coniglietto e ne voglio fare diversi. Tra un mese e’ Pasqua e mi devo sbrigare. Devo terminare i vari lavoretti che alcune amiche mi hanno richiesto.

Ma sono felice. Felice di avere queste occasioni per mettermi alla prova (sia come mamma che come creatrice della domenica) e superare i miei limiti.

Felice che la piccola Gloria avra’ presto una sua coniglietta da coccolare. E spero che le piaccia.

Felice perche’ la vita e’ bella nonostante talvolta sia dura e gli ostacoli da superare siano tanti (e credetemi io ne ho avute tante di prove da superare) e va vissuta il piu’ serenamente possibile.

Ricordatevi sempre di accettare cio’ che il Signore ha scelto per noi e ringraziare.

Buon mercoledi’

Ale

Segnalibro romantico per un animo romantico.

Segnalibro romantico per libri romantici e animi romantici.

segnalibro romantico

E’ nato per caso un po’ di tempo fa… ve ne avevo parlato qui.

Era appena abbozzato e i capelli avevano rappresentato uno scoglio duro.

Ieri ne ho realizzato un altro perche’ ,mi e’ stato richiesto. Stavolta in rosa. Sono meno impacciata nell’attaccare i capelli e sono contentissima del risultato.

La persona che me lo ha richiesto ha un’anima British come la mia. Vende tazzine e ceramiche vintage inglesi e ho voluto dare un’impronta austeniana alla sua Bookmark doll.

segnalibro romantico

Ha scelto le stoffe e il colore e io ho lasciato la mia fantasia correre libera.

Mi piace tantissimo questo segnalibro romantico.

E sono felice che stia piacendo anche a voi (ne devo cucire altri 3 :P)

Ieri e’ stata una giornata incredibile. In due ore chiusa nella mia craft room ho dato vista a altri due progetti di cui vi parlero’ a breve.

Sto pensando di realizzare un tutorial per questo Segnalibro, che ne dite?

Intanto, anche se sono lenta come una lumaca, sto montando il video per la pochette che ho mostrato sulla mia pagina Facebook.

Ho preso infatti la decisione di continuare ma rispettando quelli che sono i miei tempi.

segnalibro romantico

Intanto ho gia’ in mente i progetti che voglio realizzare per Pasqua e ammetto non vedo l’ora.

Prima pero’ mi devo dedicare alle varie cosine che mi sono state richieste 🙂 son tanto felice che le mie creazioni vi piacciano.

Sto meditando anche di fare un piccolo workshop qui a Milano. Vi piacerebbe?

Un abbraccio,

Ale <3

Lussemburgo: Bastel, Ava e la citta’.

Lussemburgo e’ la capitale di una nazione piccola piccola che porta lo stesso nome.

E’ una perla incastonata tra la Germania, la Francia e il Belgio ed e’ nota ai piu’ per essere una capitale finanziaria, un piccolo paradiso fiscale.

Ci vado spesso, almeno una volta al mese e ogni volta lascio li un pezzetto di cuore per aver scoperto una piccola chicca nuova.


Lussemburgo e’ una citta’ dinamica e moderna, radicata nelle sue tradizioni e aperta al mondo.

E’ infatti famosa per aver dato l’opportunita’ a diverse etnie di poter crearsi una vita. Portoghesi, Italiani, Danesi, Lituani, Russi… trovare un vero lussemburghese e’ davvero dura 😀

In questo contesto ho visitao il piccolo mueso della Citta’ che racchiude tutta la storia dalle origini ai giorni odierni.

E’ pazzesco come hanno organizzato questo museo: si scende di due piani i un ascensore panoramico. Il piano da cui si parte e’ tipico settecento con stucchi e intonaci. Poi appare la pietra medievale sino ad essere nel cuore della collina con la pietra nuda. Si parte da qui: Melusina (la sirena del Lux) cantera’ per voi ed e’ l’inizio della storia lussemburghese.

In questi giorni ho fatto visita anche ai miei posti preferiti: Charles Sandwich che prepara panini favolosi e Bastel.

Charles ha aperto un nuovo punto proprio vicino al mio adorato Bastel in angolo tra rue Fort Elizabeth e rue Fort Bourbon.

Ho unito quindi l’utile al dilettevole 😛

Da Bastel (dopo essermi debitamente rifocillata) ho comprato le stoffe e la penna della Sewline (spero di farvi un video presto) e mi sono forzata ad uscire senza comprare lane 😛

Una mia nuova scoperta invece e’ stato Ava. Sono andata in Missione per la Simo e l’ho chiamata con face time (grazie a San Nikolaj che ci ha dato internet ). E’ stato troppo divertente.

Vagavo tra i reparti urlando come una pazza alla ricerca dei colori 😛

Cmq anche qui ho comprato cose e cosine… che vi mostrero’ presto 🙂

Se ne avete la possibilita’ fate un giro in questa splendida citta’. Non solo per i negozi. E’ ricca di storia e di vita. Se ne parla poco e spesso questo piccolo ducato e’ sottovalutato.

E’ vero, si gira in mezza giornata forse a merita davvero. 🙂

Un abbraccio,

Ale